mercoledì 9 marzo 2016

Anagrafe nazionale della popolazione residente

Incontro in Austria per uno scambio di esperienze e informazioni


Prosegue l'impegno del Comune di Bagnacavallo quale ente pilota, assieme a Cesena, nella sperimentazione dell'Anpr, l'Anagrafe nazionale della popolazione residente.



Il responsabile dei Servizi Demografici del Comune, Romano Minardi, sarà infatti da oggi, mercoledì 9 a venerdì 11 marzo a Graz, in Austria, per uno scambio di informazioni ed esperienze grazie a un progetto che coinvolge le due nazioni e le rispettive associazioni dei Servizi Demografici.

Della delegazione italiana faranno parte, assieme a Romano Minardi, il presidente dell'Anusca Paride Gullini, il direttore dello Sportello Unico del Comune di Cesena Alessandro Francioni e la responsabile dell'Informatica del Comune di Anzola nell'Emilia Patrizia Saggini.

Durante gli incontri in programma, i colleghi austriaci parleranno della loro Anagrafe nazionale, già operativa, e delle varie sezioni di cui si compone e illustreranno poi il sistema di e-government della città di Graz. Il presidente dell'Anusca e i referenti dei Comuni pilota esporranno invece la situazione italiana della sperimentazione dell'Anagrafe nazionale della popolazione residente ampliata allo Stato civile e alla Leva e il ruolo di supporto dell'Anusca all'Agenzia per l'Italia Digitale (Agid) e al Ministero dell'Interno.

Con l'Anpr si realizzerà infatti un'unica banca dati con le informazioni anagrafiche della popolazione residente a cui faranno riferimento non soltanto i Comuni, ma l'intera pubblica amministrazione e tutti coloro che sono interessati ai dati anagrafici, in particolare i gestori di pubblici servizi. Protagonisti del progetto, oltre ai Comuni, sono il Ministero dell'Interno, Agid, Istat, Anci e Sogei in qualità di partner tecnologico.

I dati dell'Anagrafe comunale di Bagnacavallo sono subentrati nell'Anpr a dicembre e si sta tuttora testando il sistema informatico di gestione di iscrizioni, cancellazioni e variazioni anagrafiche. Avvalendosi dell'esperienza di Bagnacavallo e Cesena, gli altri ventitré Comuni pilota in Italia (tra i quali Faenza) stanno portando avanti la sperimentazione su scale demografiche diverse. È previsto che gran parte dei Comuni italiani subentri poi nell'Anpr entro il 2016.

I certificati e le visure anagrafiche potranno essere richiesti dai cittadini in qualsiasi Comune e non soltanto presso quello di residenza.

Tra gli altri progetti dell'Agenda Digitale Italiana è già in corso la realizzazione della carta d'identità elettronica e del domicilio digitale, che daranno modo all'Italia di allinearsi agli standard europei quanto a digitalizzazione della pubblica amministrazione.

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento