giovedì 12 gennaio 2017

La giunta si congratula con gli studenti del polo tecnico professionale di Lugo

Riceviamo e pubblichiamo



Imbiancate numerose aule su iniziativa dei rappresentanti di istituto
Il sindaco referente Enea Emiliani: “Un esempio virtuoso di senso civico per tutta la comunità”



La giunta dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna si congratula con gli studenti del polo tecnico-professionale di Lugo per l’impegno e l’entusiasmo messo in pratica nella cura del patrimonio e del bene pubblico.

Diversi ragazzi, armati di grembiuli, guanti e pennelli, su un’idea dei rappresentanti di istituto e in accordo con il Consiglio d’istituto e con la dirigenza scolastica, nella mattina del 7 gennaio hanno infatti imbiancato numerose aule, nell’ambito di un progetto di partecipazione della comunità scolastica alla cura e alla pulizia degli ambienti in cui vivono e lavorano.

Insieme a loro, genitori, nonni e personale della scuola, che hanno dato una mano in questa prima simbolica iniziativa (tra loro, anche un genitore che di professione fa proprio l’imbianchino e che ha avviato gli studenti al lavoro).


A beneficiare di questa iniziativa sono stati tre istituti del polo scolastico: l’istituto tecnico commerciale e per geometri “Giuseppe Compagnoni”, l’istituto tecnico industriale “Guglielmo Marconi” e l’istituto professionale “Ernesta Stoppa”. Le aule interessate sono state sei allo “Stoppa” e quasi tutte quelle del "Compagnoni-Marconi” (una di queste era stata imbiancata dai genitori nelle giornate del 27 e 28 dicembre).

“L’impegno di questi studenti, delle loro famiglie e del personale scolastico è un esempio più che positivo di come ci si possa prendere cura dei beni pubblici partendo dalla consapevolezza del ruolo che questi hanno nella nostra vita - ha commentato Enea Emiliani, sindaco referente per le Politiche scolastiche dell’Unione -. A nome di tutti gli amministratori dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna, mi congratulo per questa iniziativa.


La comunità ha bisogno di stimoli come questo, perché dal gesto di un individuo o di un gruppo di persone può nascere una presa di coscienza collettiva capace di migliorare il senso civico di una intera comunità”.

Stampa questo articolo

1 commento:

  1. bellissimo esempio assolutamente bello . ma è anche uno straordinario esempio di come è ridotta la scuola in Italia

    RispondiElimina