mercoledì 15 marzo 2017

La musica di Mozart e Vivaldi chiudono la stagione Concertistica

Questa sera al teatro Rossini alle ore 20,30


Wolfgang Amadeus Mozart (1756-1791)
Serenata - “Eine kleine Nachtmusik”


(“Una piccola musica notturna”)
in sol magg. per archi K. 525

Antonio Vivaldi (1678-1741)
Le quattro stagioni - Il cimento dell’armonia e dell’invenzione

n. 1 “La Primavera” in mi magg.
n. 2 “L’Estate” in sol min.
n. 3 “L’Autunno” in fa magg.
n. 4 “L’inverno” in fa min.

Solista: Mihaela Costea

Violino concertatore: Viktoria Borissova

ENSEMBLE DELLA FILARMONICA ARTURO TOSCANINI

Mihaela Costea, violino di spalla della Filarmonica Toscanini, non fa mai dimenticare al pubblico che lei è una virtuosa grintosa, già allieva di due prìncipi dell'archetto come Vadim Brodski e Salvatore Accardo. Proprio con Accardo, che ne è uno storico interprete, la Costea ha approfondito lo studio delle Quattro Stagioni di Vivaldi, uno dei brani più famosi della storia della musica, sulla cui interpretazione non sarà mai detta l'ultima parola, ad onta del fatto che è in assoluto il brano più inciso e, probabilmente, il più venduto. 


Non scherza neppure l'altrettanto popolarissima Serenata n. 13 in sol maggiore KV 525 “Eine kleine Nachtmusik”, la Piccola Serenata Notturna scritta da Mozart a Vienna nel 1787 prima di partire per Praga dove, di lì a poco, avrebbe completato il Don Giovanni. All'inizio del film Amadeus l'anziano Antonio Salieri cerca invano di far riconoscere al sacerdote le sue composizioni. Come accenna l'incipit della Piccola Serenata Notturna, quello comincia a canticchiare. “Questo è Mozart, non l'ho scritto io”, ammette amaramente Salieri.

Informazioni e prenotazioni: Teatro Rossini, Piazzale Cavour 17, 48022 LUGO (RA)

www.teatrorossini.it – info@teatrorossini.it

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento