martedì 14 marzo 2017

La poesia del martedì

Am'arcurd.

A m'arcurd, una vôlta, cun nunõn,
cvãnd ch'andimia a la lònga de sintir
a là int al tër, s'a j p ns u m pêr ajir,
int e' capãn a là sota l'arlõn.
Par la caréra cun e' su bastõn,
cum’ ch'l' ra bël, par tot, andêr in žir,
e incóra adës, turnènd cun e' pinsir,
e' côr e' s nt una cunsulaziõn.
La premavira, l'aria tévda, e' sól
e cagli uviôl ch'u m pê d' sintì l'udór
e al margherit ch' l' è pi tot e' cavdêl....
Un brãnch d'ušel j è a là ch' i ciapa e' vól
spinté da la sčiuptê d' un cazadór.
E lo u s' ascólta e nõ a staš n a ‘scultêl.

Franco d' Sabad n

Mi ricordo

Mi ricordo, una volta, con il nonno,
quando andavamo lungo il sentiero
là nei campi, se ci penso mi sembra ieri,
nel capanno là sotto il grande albero

Per la carraia con il suo bastone
com'era bello, per tutti, andare in giro,
e ancora adesso, tornando col pensiero,
il cuore sente una consolazione.
La primavera, l'aria tiepida, il sole
e quelle viole che mi sembra di sentire l'odore
e le margherite di cui è pieno il cavezzale
.
Un branco di uccelli sono là che prendono il volo
spaventati dalla fucilata di un cacciatore.
E lui ci ascolta e noi stiamo ad ascoltarlo.

Franco Ponseggi 

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento