giovedì 16 marzo 2017

Polizia municipale continuano a pieno tempo i controlli per garantire la sicurezza del territorio

Riceviamo e pubblichiamo


Continua a pieno ritmo l’attività di presidio del territorio da parte degli agenti della Polizia municipale della Bassa Romagna, per garantire la sicurezza non solo stradale e il rispetto delle regole civiche.


Nel corso di alcuni controlli finalizzati alla tutela della sicurezza urbana, alcuni agenti della Pm hanno notato il comportamento sospetto di un ragazzo che a Lugo, in largo della Repubblica, alla vista degli agenti, ha gettato un oggetto in un bidone della spazzatura e si è allontanato a passo spedito verso il Pavaglione; fermato dagli operatori, il giovane, un diciannovenne del luogo, ha ammesso di essersi disfatto di un tirapugni. La pattuglia ha recuperato l'oggetto metallico e lo ha posto sotto sequestro penale, denunciando il ragazzo all'autorità giudiziaria per possesso di oggetti atti a offendere.

Nel comune di Massa Lombarda gli agenti della municipale, a un posto di controllo, hanno intimato l'alt a un motociclo Ducati condotto da un trentenne ivi residente che risultava sprovvisto della patente di guida in quanto precedentemente revocata: a carico del conducente è stato elevato un verbale di 5000 euro e al veicolo sono stati apposti i sigilli di fermo per 180 giorni.

Nella settimana appena trascorsa la Polizia municipale della Bassa Romagna è inoltre intervenuta in quattro incidenti stradali i cui conducenti sono risultati positivi all'etilometro.

Due dei quattro sinistri sono avvenuti a Bagnacavallo: il primo in centro storico, dove un sessantenne del luogo alla guida di una Renault Twingo ha urtato l'area esterna di un esercizio commerciale; sottoposto a etilometro, il conducente ha fatto registrare un valore di 1,20 g/l. 


Sulla San Vitale un cittadino polacco cinquantenne alla guida di un Opel Astra ha urtato, in fase di sorpasso, dapprima il veicolo che stava superando e, successivamente, ha perso il controllo dell'auto finendo nel cortile di un'abitazione adiacente alla carreggiata. Il cinquantenne è stato ricoverato all'Umberto I di Lugo con lievi feriti e le analisi alcolemiche hanno riscontrato un tasso di 1,88 g/l.

Tre volte oltre il limite di legge, ovvero 1,45g/l, è invece il valore rilevato dall'etilometro in seguito a un controllo a carico di un quarantenne ravennate che mercoledì 8 marzo ha perso il controllo del veicolo da lui condotto finendo nel fossato adiacente alla Sp 8, in direzione Cotignola.

A Lavezzola un neopatentato di 23 anni del luogo alla guida di una Lancia Y, dopo aver perso il controllo del veicolo e abbattuto un segnale stradale e un lampione dell'illuminazione pubblica, ha terminato la sua corsa sulla pista ciclabile adiacente alla via Bastia; il giovane aveva un tasso alcolemico pari a 1,74 g/l.

In seguito agli accertamenti, tutti i conducenti sono stati deferiti all'autorità giudiziaria e a ognuno è stata ritirata la patente di guida per la successiva sospensione; per i trasgressori che hanno riportato un valore superiore a 1,5 g/l si è inoltrata la stessa alla prefettura competente per dar avvio al procedimento di revoca del documento.

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento