giovedì 20 aprile 2017

Europa sì, ma non così

Riceviamo da Matteo Renzi e pubblichiamo

Viviamo un momento di grande tensione internazionale, dalla Siria alla Corea del Nord.
Mi ha molto colpito questa intervista a un fotografo che è riuscito a salvare la vita a un bambino, pubblicata oggi da Repubblica.

Ma non sfugge a nessuno che, accanto al dramma umano, in queste ore sia in corso una sfida geopolitica, a cominciare dal ruolo che vorrà avere la nuova amministrazione americana con Trump.

Per tutti questi motivi, ritengo fondamentale che l'Europa batta un colpo.
Non possiamo relegare il Vecchio Continente a semplice spettatore di ciò che accade.

E per questo motivo il desiderio di cambiare le politiche in Europa (dalle regole economiche fino all'elezione diretta dei leader, dalla strategia di politica estera fino alle questioni sociali, dall'immigrazione fino alla ricerca) costituisce il cuore della mia campagna per le primarie. Ecco perchè ho deciso di chiudere la campagna a Bruxelles, andandoci come ultima tappa del mio tour Primarie venerdì 28 aprile.

Il messaggio è chiaro. Secondo i populisti, l'Europa va distrutta. Secondo conservatori e burocrati va tutto bene come è adesso. Noi diciamo "Europa sì, ma non così". Io voglio guidare il PD - che con noi è diventata la più grande forza politica europea - a cambiare l'Europa. E dunque l'Italia.

Noi non parliamo male degli altri candidati, noi non facciamo polemiche: noi raccontiamo le nostre idee per il futuro dell'Italia e dell'Europa. Lo faremo nei prossimi giorni anche sulla scuola, sull'economia, sul sociale, sulla cultura. 

Vi chiedo di restare in contatto anche tramite la APP-Matteo Renzi che da stasera sarà disponibile anche per chi non ha facebook.

Ma vi chiedo soprattutto di aiutarmi a coinvolgere chi ha voglia di dare una mano in positivo, spiegando perché vogliono cambiare l'Italia con noi. Non siamo contro qualcuno, noi siamo per qualcosa. Ma abbiamo bisogno dell'aiuto di tutti: essere per qualcosa anziché contro fa meno rumore. Ma è più utile.

Mancano 12 giorni alla sfida finale sulle primarie. Per chi vuole votare in un comune diverso dal suo (magari perché fa il ponte) ci sono tutte le informazioni su questo sito: www.primariepd2017.it.

Potete anche scrivere a primarie@matteorenzi.it per le informazioni sui seggi. O dare idee per gli ultimi giorni di campagna. Vi aspetto. E come sempre conto su di voi.

Matteo

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento