venerdì 21 aprile 2017

"Gli occhi di Baracca": Lugo nelle foto di Paolo Guerra dal '46 al '59

L'acquedotto
di Giacomo Casadio

Il grandioso monumento che dissetava i lughesi fu abbattuto dai tedeschi in ritirata nel Dicembre 1944, fissando alla base 46 bombe di aereo e facendole esplodere. Era stato costruito dal fascismo nel 1938 e fu dedicato ai caduti di Lugo “per una Patria più grande”. Questo era l’edificio fascista.





Nell’immediato dopoguerra il rudere rimase steso a terra per alcuni anni finchè non si decise di ricostruirlo per i grandi bisogni idrici della comunità.

La Vedetta, giornale repubblicano, scrisse un trafiletto per rimproverare l’impresa edile dell’eccessiva foga nel demolire la struttura abbattuta, che provocava rumori da “bombardamento” e faceva piovere schegge nei dintorni, specie nel giardino dell’Ospedale, con rottura di vetri nel reparto Maternità.

La foto riprende un funerale nel posto incriminato, ad almeno 30 metri dai giardini dell’Ospedale e oltre 40 dalle sue finestre !!

Nel Marzo ’49 iniziò la costruzione del nuovo edificio, rifatto esattamente come quello fascista. La costruzione fu diretta dall’ing. Taroni dell’Ufficio Tecnico del Comune ed eseguita dall’impresa F.lli Scardovi di Bologna.

La capacità della vasca era di 700mila litri e non ci furono trasudamenti nella prova di carico. Con il contributo dello Stato la spesa fu di 15 milioni di lire.

Un anno dopo i lavori erano conclusi con soddisfazione dei lughesi.







L’unica polemica riguardò non la struttura architettonica ma la frase da incidere sulla facciata.

L’epigrafe precedente ipotizzava il sogno di una patria più grande. 


Il Consiglio comunale fu d’accordo nell’eliminare la parola “grande”, anche se il suo significato poteva avere un’accezione astratta. 

Si propose “LUGO ai suoi caduti per la Patria”, ma anche questa frase fu scartata perché l’uso della parola “Patria” poteva richiamare il Fascismo. 

Così la scritta si ridusse a “LUGO ai suoi caduti” in modo da accontentare tutti.



Giacomo Casadio


Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento