giovedì 13 aprile 2017

In Romagna il primo Per-corso formativo per coordinatore di sviluppo turistico esperienziale

All'"estero" ma ci piace


Le domande di selezione dovranno pervenire entro le 13 di giovedì 11 maggio



Arriva in Romagna il primo “per-corso” dedicato alla formazione di coordinatori di sviluppoturistico esperienziale. Il per-corso è organizzato da Gmt - Gruppo di marketing territoriale e Cefal e sarà presentato al pubblico mercoledì 19 aprile alle 18.30 a Faenza nella sede di Cefal, in via Severoli, 12.

Il corso mira a formare figure professionali versatili, operatori motivati a far conoscere la “Romagna che non ti aspetti”: “Saper progettare e organizzare programmi di turismo esperienziale, proporli sul mercato nazionale e internazionale valorizzando le eccellenze territoriali a marcato dinamismo imprenditoriale, avere intraprendenza e capacità di coordinamento: sono queste le competenze di cui i territori dovranno dotarsi sempre di più in futuro - sostiene Andrea Succi, ideatore del corso - per essere competitivi e incrementare l’offerta turistica, dalla collina al mare tutto l’anno”.

“I sindaci della Bassa Romagna hanno posto lo sviluppo del comparto turistico tra le priorità di mandato - ha sottolineato Nicola Pasi, sindaco referente per il Turismo dell’Unione -. Siamo infatti convinti che un territorio come il nostro abbia tante potenzialità ancora inespresse, capaci di creare un importante volano per l’economia locale in sintonia con uno sviluppo sostenibile. Questa iniziativa formativa guarda concretamente in questa direzione, è un punto di partenza importante per avere un domani sul territorio esperti in grado di strutturare le offerte, in una grande operazione sinergica tra pubblico, privato e associazioni”.

Il corso partirà martedì 6 giugno, mentre le domande di ammissione dovranno pervenire entro giovedì 11 maggio alle 13. Il corso durerà sei giorni e sarà strutturato in maniera itinerante, per permettere ai partecipanti di vivere e conoscere luoghi, strutture e persone (sono previste 21 visite), e ascoltare oltre 35 testimonianze significative di co-protagonisti del territorio.

Per iscriversi al corso occorrono “intraprendenza tipica dell’auto-imprenditorialità, la conoscenza di almeno una lingua straniera e capacità organizzativa”, come segnmalato dagli organizzatori, al fine di “saper costruire relazioni autentiche col territorio utili a gestire, confezionare e poi coordinare prodotti esperienziali turistici innovativi”.

I candidati dovranno essere residenti o domiciliati in Romagna. La partecipazione è riservata a un massimo di 12 candidati. Saranno considerate preferenziali le esperienze dichiarate senza preclusione di età e genere dei candidati. Durante la fase di selezione e dopo una prima valutazione i candidati incontreranno una commissione composta da imprenditori e responsabili di imprese ed enti del territorio.

“I viaggiatori di domani - spiega Andrea Succi - sono in cerca di brand che siano strettamente connessi con l’ambiente locale. Gli ospiti ricercano il genius loci, nuovi paesaggi culturalidove incontrare persone vere con le quali poter condividere un’esperienza, vivendo momenti di vita quotidiana del territorio che visitano, partecipando attivamente e in prima persona alle attività locali, andando a scavare nelle tradizioni, negli usi e nei costumi.


Realtà territoriali disarticolate e degradate, comunità locali poco coese e conflittuali, non possono certo immaginarsi competitive e attraenti. Per queste ragioni occorre formare e attivare comunità ospitanti che siano autenticamente accoglienti, veri e propri Gruppi di marketing territoriale (Gmt) motivati a instaurare relazioni all’interno del proprio territorio per essere attraenti e, al contempo, anche attrattivi”.

Il progetto è patrocinato dall’Unione di Comuni della Bassa Romagna, dall’Unione della Romagna Faentina, dalla Fondazione Dalle Fabbriche e da Plef - Planet life economy foundation - Delegazione Emilia-Romagna. Progetto e coordinamento sono a cura di Andrea Succi (andreasucci@andreasucci.it).

Per ulteriori informazioni e candidature, contattare Stefania Visani della segreteria Cefal di Faenza, email svisani@cefal.it, telefono 0546 25468 (da lunedì a giovedì dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 16.30, il venerdì dalle 8.30 alle 12.30).

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento