giovedì 13 aprile 2017

Passa dal comparto costruzione la ripresa economica del territorio

Riceviamo e pubblichiamo



Confartigianato, anche nel 2017, ha monitorato l’andamento del settore delle costruzioni del nostro territorio analizzando 'i numeri' della grave crisi che continua a colpire il settore delle costruzioni in questi anni.


Quanto sta accadendo nel settore edile della nostra provincia sta passando inosservato, l’opinione pubblica è a conoscenza solamente delle crisi di grandi aziende, ma dimenticandosi della somma di tante piccole imprese edili che ha chiuso o ridimensionato drasticamente la propria forza lavoro senza mai apparire agli onori della cronaca. Il dato occupazionale (vedi dati Cassa Edile) ci dice che dal 2008 al 2016 i dipendenti del settore sono passati da 6112 a 2558 che in percentuale significa -58%.

E pensare che il comparto delle costruzioni è da sempre per il nostro territorio un settore economicamente di prioritaria importanza, sia per le eccellenze che esprime in termini di know how e organizzazione d’impresa, sia per il radicamento che ha nella società civile, ad esempio una delle prime Scuole Edili d’Italia è nata nell’immediato dopoguerra proprio a Ravenna.

Da qualche anno teniamo monitorato lo stato in cui versa il settore edile analizzandone l’andamento.

In provincia di Ravenna le imprese iscritte alla Cassa Edile (quelle con dipendenti, quindi) nel periodo 2008 - 2016 sono diminuite del 57,8%, passando da 1.199 a 506. Il dimezzamento del numero delle imprese ha portato a una riduzione del 58% dei lavoratori e del 56,6% delle ore retribuite, con una perdita di valutabile in oltre 65 milioni di euro di retribuzioni.

Un altro elemento preso in considerazione dalla ricerca sono stati gli oneri d’urbanizzazione incassati dai Comuni di Ravenna, Faenza e Lugo. In nove anni gli incassi per questo tributo sono diminuiti rispettivamente del 77%, del 85% e dell’84%.

In termini di credito lo stock dei prestiti concesso alle imprese del comparto delle Costruzioni della provincia di Ravenna è di 1,1 miliardi di euro. In diminuzione di 686 milioni di euro, con un calo del 38,4%, rispetto a 5 anni prima (2012) e di 167 milioni di euro, con un calo dello 13,2%, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (2015), registrando comunque flessioni meno accentuate rispetto la media regionale.

Un dato positivo riguarda le sofferenze finanziarie che per le imprese del settore delle Costruzioni sono in calo 10,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Parte di queste sofferenze sono registrate delle imprese che svolgono lavori pubblici. In pratica l’impresa, con l’introduzione dello Split Payment, continua a pagare l’Iva ai propri fornitori senza incassarla in quanto versata all’erario dal committente pubblico, aumentando così l’attuale difficoltà finanziaria a causa della inevitabile riduzione della liquidità.

Questa pesantissima situazione ha bisogno di risposte certe e soprattutto efficaci che le Amministrazioni Locali devono mettere in campo con coraggio e determinazione.

Come?

Andando a snellire le procedure degli attuali Regolamenti Urbanistici (RUE) prevedendo reali e tangibili incentivi all’adeguamento sismico e all’efficientamento energetico degli immobili esistenti. A parere di Confartigianato ci vuole più coraggio e oltre a prevedere incentivi urbanistici, percorsi autorizzativi dedicati e veloci, occorrono incentivi fiscali con detrazioni sulle imposte comunali sugli immobili (TASI e IMU). L’obiettivo è quello di “far passare” il messaggio che oggi ristrutturare casa burocraticamente è facile, e che gli incentivi statali (del 65 o 50 per cento) accompagnati da quelli urbanistici danno reali opportunità economiche.

Per Confartigianato le possibilità per un rilancio ci sono. Non servono sovvenzioni a pioggia o assistenzialismo, sono necessarie però politiche serie, innovative, soprattutto coraggiose da parte dei nostri Pubblici Amministratori.

Se davvero siamo uno dei territori all’avanguardia del nostro Paese, per i nostri Enti Locali è davvero il momento di dimostrarlo, con i fatti.

CONFARTIGIANATO, consapevole della nota difficoltà da parte delle piccole imprese di disporre di informazioni puntuali sulle gare di appalto pubbliche e i relativi esiti di gara, ha ritenuto utile promuovere il servizio gratuito denominato "Via alla Gara". Si tratta di un database aggiornato costantemente e dedicato alle imprese dell’edilizia che consente una ricerca veloce e dettagliata delle gare di specifico interesse.

Attraverso l’accesso riservato per gli associati Confartigianato, sarà possibile consultare facilmente tutte le informazioni sui bandi, personalizzando la ricerca per Regione, importo, categoria Soa, nonché richiedere anche i bandi e/o gli esiti di gara in versione integrale.

Per ottenere gratuitamente username e password dovrai rivolgerti agli uffici di Confartigianato della provincia di Ravenna

In allegato trovate la versione completa dello studio, realizzato dal settore Sindacale di Confartigianato Ravenna grazie ai dati statistici forniti da Camera di Commercio della Provincia di Ravenna, Cassa Edile della Provincia di Ravenna, Osservatorio MPI Confartigianato Emilia Romagna.

Ufficio Stampa Confartigianato

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento