martedì 18 aprile 2017

Un nuovo defibrillatore al campo sportivo di Fruges

A Massa Lombarda


È stato donato da Lidl Italia. Il sindaco: “Con 12 macchine, la città può definirsi cardioprotetta”

Lidl Italia ha donato all'Amministrazione comunale di Massa Lombarda un defibrillatore, anche per uso pediatrico, da installare all'interno dell'impianto sportivo di Fruges. Alla cerimonia di consegna, erano presenti il sindaco di Massa Lombarda Daniele Bassi, la vicesindaco Carolina Ghiselli, l’assessore Stefano Sangiorgi e i presidenti della Società ciclistica massese, dell'associazione Calcio Massa Lombarda e della Frugesport.

L'impianto è particolarmente frequentato da un considerevole numero di ragazzi e ragazze che praticano attività sportiva, oltre ai cittadini che fanno uso della pista per l'avviamento al ciclismo.

L'Amministrazione comunale, in occasione della consegna, ha ringraziato pubblicamente Lidl Italia, consegnando alla sua rappresentante Salvatrice Di Grado una targa a ricordo in segno di gratitudine.

"È importante l'impegno delle imprese presenti sul territorio per favorire e incrementare i momenti di socialità e aggregazione - ha dichiarato il sindaco di Massa Lombarda, Daniele Bassi -. La nostra città potrebbe già ora definirsi comune ‘cardioprotetta’, in quanto è dotata di 12 defibrillatori dislocati presso le scuole e le varie strutture sportive e ricreative, oltre a due defibrillatori presenti nelle auto della Polizia municipale del nostro presidio e in quella della locale stazione dei Carabinieri”.

La morte cardiaca improvvisa è una delle maggiori cause di mortalità. Se non si è in grado di intervenire in pochi minuti (5-6 al massimo) con un massaggio cardiaco e una scarica elettrica la morte sopraggiunge. L’unico modo per poter intervenire in un tempo così limitato è quello di avere sul territorio una forte dotazione di defibrillatori e di operatori in grado di saperli utilizzare.

Il Governo italiano nel 2013 ha emanato uno specifico decreto pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 20 luglio 2013, che obbliga le società sportive, sia dilettantistiche sia professionistiche, a dotarsi di defibrillatori entro il 30 giugno 2017 (salvo proroghe).

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento