martedì 9 maggio 2017

A Budrio La Madonna già pronta del Collettivo FX

Un altro murale si aggiunge al progetto di riqualificazione urbana ‘Dal museo al paesaggio’


“La Madonna già pronta” è il soprannome dato al murale realizzato dagli street artists del Collettivo FX in via Gaggio 5 a Budrio, nell’ambito del progetto “La Madonna dell’Adesso”, un viaggio su e giù per l’Italia con lo scopo di raccogliere le storie della Beata Vergine e dipingerle con una declinazione attuale, in collaborazione con il territorio.


L’opera, realizzata nelle giornate del 4 e 5 maggio, è nata da un incontro tra gli artisti del gruppo reggiano, una rappresentanza della comunità budriese e i ragazzi richiedenti asilo accolti nella frazione. “La Madonna già pronta” perché a ispirare il murale è stata una stampa del 1858 pubblicata nel libro Budrio di Cotignola. Una comunità fra storia e cronaca di Stefano Staffa.


L’immagine della Beata Vergine del buon consiglio è stata arricchita grazie ai racconti dei ragazzi migranti, che alla domanda “Da dove venite?” hanno raccontato e disegnato il lungo viaggio percorso prima di arrivare a Cotignola. La pittura del murale è stata realizzata a più mani e ha visto la partecipazione attiva dei migranti.

“Il legame della Beata Vergine del Buon Consiglio con la comunità di Budrio è ancora vivo e tangibile - commenta l’assessore Settembrini -. Lo testimonia l’entusiasmo espresso da tante persone di fronte ad uno strumento così potente e singolare per raccontare la Madonna.


Per questo voglio ringraziare gli artisti del Collettivo FX, l’associazione culturale Indastria di Ravenna che ha collaborato a questo progetto, il Cefal, ente gestore dell’accoglienza, l’Istituto diocesano sostentamento al clero di Imola, proprietario dell’immobile, gli inquilini e tutti coloro che hanno partecipato attivamente alla realizzazione di quest’opera. Aggiungiamo così un altro tassello al progetto di riqualificazione urbana ‘Dal museo al paesaggio’ e un’altra storia da ricordare per la nostra comunità”.

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento