giovedì 11 maggio 2017

Bagnacavallo Città dei bambini

Il giardino delle meraviglie


Si intitola Bagnacavallo giardino delle meraviglie la Città dei bambini 2017, progetto del Comune curato dall'associazione Cercare la Luna.


Il progetto si è sviluppato durante l'anno in momenti strutturati con gli alunni della scuola dell'infanzia e primaria dell'Istituto comprensivo e da giovedì 11 maggio vedrà tutta Bagnacavallo coinvolta in dieci giorni di festa.

«Assieme all'Istituto comprensivo, a Cercare la Luna e a numerose associazioni lavoriamo per rendere la nostra Città dei bambini sempre più viva e partecipata – spiega l'assessore alle Politiche educative Ada Sangiorgi – in modo che l'evento unisca e coinvolga l'intero territorio di Bagnacavallo.»

«Accanto ai diritti del fanciullo sanciti dalla Convenzione delle Nazioni Unite nel 1989 abbiamo voluto inserire il “diritto allo stupore” ̶ spiega Margherita Tedaldi, coordinatrice del progetto. ̶ Seguendo gli esempi di Antoni Gaudì col suo Parc Güell a Barcellona, il magico Giardino di Bomarzo e lo spettacolare Giardino dei Tarocchi a Capalbio, l'intento è quello di ricreare un fantastico giardino delle meraviglie a Bagnacavallo, che rapisca l'attenzione e i sensi dei piccoli spettatori. 

Come Niki de Saint Phalle identifica nel suo, il sogno magico e spirituale della sua vita, così il nostro (o i nostri), andranno ad alimentare le nostre fantasie. Ritroveremo le caratteristiche ricercate dall'artista, nei colori intensi e vivaci, nella dilatazione delle forme e nella solarità ispirata ai maestri del cromatismo, da Matisse a Picasso, da Kandinskij a Klee.»

Nei prossimi dieci giorni, pian piano piazza della Libertà si trasformerà in un grande giardino all'aperto, come annuncia il bruco posto sul balcone del Municipio che si trasformerà in farfalla il giorno della grande festa di venerdì 19 maggio. Altri angoli nascosti e insoliti di Bagnacavallo diventeranno giardini di carta, cartapesta, legno, stoffa, e ospiteranno laboratori, letture, piccole esperienze e attività per bimbi di tutte le età. 

Colorati insetti appariranno qua e là per le vie e le piazze, e prepareranno il paese all'arrivo della festa. Allo stesso modo le vetrine dei negozi si riempiranno di fiori colorati e insetti dalle forme strane. Associazioni, scuole, artisti, commercianti, genitori, volontari e varie realtà del territorio sono coinvolti in questo progetto.

Si inizierà giovedì 11 maggio alle 20 con l'inaugurazione della mostra dei lavori delle classi primarie e dei giovani alunni della scuola d'arte Ramenghi presso l'atrio del Municipio. La mostra rimarrà aperta fino a domenica 21 con la collaborazione dei volontari. 

La serata proseguirà alle 21 in piazza della Libertà con Vito Baroncini che racconterà Le storie sui muri: con l'ausilio della lavagna luminosa, l'artista colorerà la facciata dei palazzi del centro con macchie e disegni realizzati da lui stesso e dai bimbi coinvolti nello spettacolo.

Domenica 14 maggio l'appuntamento sarà alle 10 con Fotolab – Fiori a merenda: la natura che si nutre, laboratorio fotografico al Giardino dei Semplici per bambini dai 5 ai 10 anni a cura di Lucilla Danesi, che si concluderà con un pic nic al sacco sull'erba (info 339 4359583). Sempre domenica 14 alle 17 Palazzo Vecchio ospiterà un nuovo appuntamento della rassegna Artebebè a cura di Drammatico vegetale: lo spettacolo interattivo Pin'occhio attraverso lo specchio, per bambini da 1 a 3 anni.

Le iniziative proseguiranno la settimana successiva con un ricco calendario. Ci saranno letture in fiore e laboratorio a Bottega Matteotti (mercoledì 17 maggio, ore 17) e un pomeriggio nella natura con passeggiata dal Podere Pantaleone al Giardino sinergico dell'associazione Humus Sapiens in vicolo Granaroli e ritorno al Podere per cena al sacco, escursione notturna e concerto con i Daràn (giovedì 18 maggio, dalle 16.45).

Venerdì 19 maggio sarà la giornata centrale della festa, con la Città dei bambini in piazza della Libertà dalle 8.30 alle 12.30 e in serata il pic nic urbano e il concerto delle classi terze medie.

Sabato 20 maggio alle 10 è in programma un doppio appuntamento: per i piccoli, dai 4 agli 8 anni, alla Biblioteca Taroni per Letture in fiore e laboratorio artistico e per i più grandi, dai 9 anni in su, nel chiostro di San Francesco si terrà Faccio collezione di attimi, laboratorio teatrale per un massimo di 15 partecipanti (info 339 4359583). Nel pomeriggio, alle 17.30, all'ex tipografia Artigiana di via Oberdan 6, messa in funzione dei vecchi macchinari e laboratori, e alle 20 La strada sotto le scarpe, racconti in musica con Alfonso Cuccurullo.

La Città dei bambini si concluderà domenica 21 maggio. Alle 17 a Palazzo Vecchio si terrà MiloeMaya, teatro multisensoriale per bambini da 1 a 3 anni per la rassegna Artebebè.

Il chiostro di San Francesco ospiterà invece dalle 17.30 il Gran finale della Città dei bambini, con allestimento della mostra fotografica del laboratorio Fiori a merenda, laboratorio di intreccio con Arianna Ancarani, giochi e aperitivi a cura di Zebragialla. In serata, il chiostro si animerà alle 20 con Ridi It, spettacolo di improvvisazione teatrale con 05QuartoAtto, e alle 20.30 con il concerto dei Capra e Cavoli.

Sono coinvolti nel progetto: associazione Doremi, Bagnacavallo Fa Centro, centro sociale Amici dell'Abbondanza, Comunicando, Humus Sapiens, Bottega Matteotti, Podere Pantaleone, Biblioteca Taroni, artisti, atelieristi ed esperti, volontari e famiglie.

Per informazioni:   339 4359583 (Margherita)
www.comune.bagnacavallo.ra.it

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento