venerdì 19 maggio 2017

Buono come il pane

Oggi, venerdì 19 alla Scuola Media Baracca


"E' buono come un pezzo di pane", dicesi nella nostra cultura "contadina", ma anche "guadagnarsi il pane", "essere messi a pane e acqua", sino al "dacci oggi il nostro pane quotidiano" della nostra fede cattolica.

Assumendo il pane come filo conduttore ne è nato un progetto che ha coinvolto in modo particolare due classi della Baracca ed una della Gherardi

Non il pane preso frettolosamente dai contenitori del supermercato ma quello che ci fa riscoprire i forni artigianali con i nomi più strani che ci ricollega alla nostra cultura, ai nostri vecchi, quando il pane si faceva nel forno della casa contadina una volta a settimana.

Ma anche le tradizioni delle varie regioni da cui provengono molte della famiglie delle nostre scuole, conoscendo tradizioni legate al pane di altre tante comunità straniere presenti a Lugo.

I lavori del progetto, raccolti in foto e in video saranno presentati oggi, venerdì 19 maggio dalle ore 16 alle ore 18 nell'Aula Magna della Scuola Media Baracca.

Arrigo Antonellini 



Buono come il pane: un progetto interdisciplinare che ha coinvolto due classi prime della secondaria di I° Baracca e una della Gherardi. 

L'idea è nata nella fertile associazione A.n.t.e.a.s., che si prefigge la trasmissione di saperi e competenze ai giovani di oggi, in maniera, come dice il nome stesso, attiva e solidale da parte chi si trova nella cosidetta terza età. 

Ogni materia oggetto di studio ha interagito con laboratori che mescolavano lievito e cereali, in una sinergia di saperi che spaziavano dalla religione alla storia, dalle scienze all'arte, dalle lingue straniere alla musica. 

Quest'ultima disciplina, ad esempio, ha rivestito di note una leggenda sul pane di Roberto Piumini, che sarà possibile apprezzare oggi dalle 16 alle 18 nell'Aula Magna e nell'orto della Baracca. 

E' infatti stato realizzato un video che sarà proiettato nell'occasione. 

Molto valida la collaborazione con i panificatori di Lugo che hanno raccontato l'evoluzione della loro attività con i relativi cambiamenti nel tempo e che oggi offriranno la merenda agli alunni e ai loro genitori. 

Una visita all'Ecomuseo delle Erbe Palustri di Villanova ha permesso la visione diretta degli strumenti dei fornai nel tempo e la realizzazione di quei prodotti che da sempre accompagnano i vari momenti della giornata: alimenti di base di cui non si sa mai abbastanza.


Lucia Baldini

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento