mercoledì 17 maggio 2017

Comitato Destinazione Agricola ha incontrato il Sindaco Venturi

Ad Alfonsine

Una nutrita delegazione del Comitato “Destinazione Agricola”, nato nello scorso dicembre 2016 per riportare i terreni della zona potenzialmente industriale (di interesse sovracomunale) compresa tra la via Reale, la via Storta e la Canalina alla loro originaria destinazione agricola, ha incontrato il Sindaco di Alfonsine, Mauro Venturi.-

La delegazione, assistita dall’avv. Claudio Fabbri, nel frattempo divenuto Capogruppo in Consiglio comunale per la lista civica “BellAlfonsine”, aveva chiesto alcune settimane fa l’incontro svoltosi ieri per sottoporre al Sindaco ed alla Unione dei Comuni il proprio disagio e la necessità di retrocedere le aree alla loro naturale vocazione: quella agricola, appunto.-

L’incontro è durato poco più di mezz’ora. “Abbiamo ricevuto la conferma da parte del Sindaco che la macchina burocratica ha iniziato a muoversi per venire incontro alle esigenze dei cittadini che si trovano nelle stesse condizioni di chi ha aderito al nostro Comitato” – spiega Claudio Fabbri – “E’ già stata svolta una prima fase di ascolto da parte dei tecnici nei confronti delle varie amministrazioni comunali ed a breve dovrebbe esserci una seconda fase di ascolto, propedeutica alla formazione di apposita delibera che verrà prima adottata dai vari Consigli comunali dell’Unione dei Comuni e poi, dopo 60 giorni di pubblicazione all’albo pretorio per le eventuali osservazioni, verrà approvata dai Consigli comunali”

Ad essere ottimisti si confida che questo iter burocratico arrivi alla conclusione entro l’anno corrente e che finalmente i proprietari del comitato “Destinazione agricola” possano rivedere i loro terreni tornare ad essere quello che già sono: terreni agricoli.-

Ovviamente il Comitato non abbasserà la guardia e seguirà con attenzione, anche attraverso l’avv. Claudio Fabbri, le varie fasi del predetto iter.-

Per informazioni contattare: destinazioneagricola@gmail.com

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento