venerdì 12 maggio 2017

"Gli occhi di Baracca": Lugo nelle foto di Paolo Guerra dal '46 al '59

Il cinema Astra
di Giacomo Casadio


Nell'estate del 1949 c'erano tre cinematografi a Lugo: il politeama Venturini, il cine-teatro Rossini e l'Astra, questi ultimi con arene all'aperto. Il 18 giugno si aggiunse l'arena Rossini nel Viale della Stazione.
L'anno successivo il cinema Astra fu coperto e divenne sala chiusa.
I lavori vennero affidati alla cooperativa edile di Cotignola dal proprietario Nello Turri. Questa è l’area vuota, occupata prima da un cinema estivo.
Il palazzo di fronte a sinistra è l'antica abitazione dei conti Emaldi, poi demolita e sostituita da un moderno condominio.





Operai della ditta costruttrice al lavoro.


L’interno con Nello Turri che controlla i lavori, ormai arrivati alla galleria.  




 Il cinema Astra fu inaugurato il 12 dicembre 1950 e la sala divenne un luogo di punta per gli appassionati lughesi.

Il film più atteso dal pubblico fu "Cenerentola" che riempì la sala di spettatori. 

Non erano contemplati svuotamenti di posti alla fine di ogni spettacolo: chi era seduto poteva rimanere fino a notte, mangiando e fumando a piacere. 

L'atmosfera era densa di fumo e di odori che non potevano essere mai eliminati fino alla chiusura del locale non essendoci finestre da aprire. 

Le emozioni però erano davvero intense.

Avrebbe offerto la visione di molti grandi films di Hollywood, perfino in Cinemascope e addirittura in Tre-D, con lo schermo allargato alle due pareti laterali.


Giacomo Casadio


Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento