martedì 9 maggio 2017

Gli studenti Lughesi allo School Maker Day

Riceviamo e pubblichiamo


I ragazzi del Liceo scientifico e del corso geometri hanno partecipato all’evento sulla cultura digitale con le installazione di “Generazione Futuro Green”


Le classi del Liceo e del Polo tecnico di Lugo hanno partecipato allo “School Maker Day 2017”, l’evento promosso dalla Fondazione Golinelli e in programma all’Opificio Golinelli, a Bologna.

“School Maker Day 2017 - le scuole dell’Emilia Romagna si ritrovano sul tema della cultura digitale” si propone di consolidare il legame tra cultura digitale (Maker) e il mondo della scuola attraverso le esperienze degli studenti e dei loro insegnanti, raccontate in prima persona ed esposte tramite prototipi da loro stessi realizzati.

All’evento erano presenti due studenti del Liceo scientifico e tre del corso geometri del Polo tecnico di Lugo. Per il primo istituto hanno partecipato Ilaria Benini e Marco Sartoni, accompagnati da Enzo Cortesi e Rita Margotti, insegnante di fisica che collabora col Fablab. Per il secondo, invece, c’erano Gaia Brignani, Lucia Pirazzini e Mattia Negrini, con la professoressa Patrizia Runfola e Roberta Toma.

Per Marco Sartoni del Liceo “il pubblico è stato molto interessato perché oltre a voler vedere l'esperimento in sé voleva capire come funzionava”. Inoltre, “anche i bambini erano interessati soprattutto agli esperimenti creati per loro”. Anche Ilaria Benini ha notato l’interesse dei più piccoli. “Erano molto incuriositi – ha detto - dal vedere le luci che si muovevano, che si accendevano senza contatto e pile”.

Per Gaia Brignani e Lucia Pirazzini del corso geometri l’evento è stato “interessante e divertente”, mentre Mattia Negrini lo ha trovato “frenetico, movimentato e animato da grande curiosità”.

Durante l’iniziativa i ragazzi hanno portato la testimonianza dell’esperienza svolta nell’ambito di “Generazione Futuro Green”, il progetto dedicato alle ragazze e ai ragazzi delle scuole dell'Unione dei Comuni della Bassa Romagna.


L'obiettivo del progetto era avvicinare i giovani ai temi della sostenibilità, del risparmio energetico, delle fonti rinnovabili e dei cambiamenti climatici attraverso un approccio didattico innovativo che permette di apprendere per scoperta e per esperienza diretta dei partecipanti. Durante questo progetto gli studenti dell’Unione hanno avuto la possibilità, grazie alla guida esperta del Fab Lab Maker Station di Cotignola, di realizzare delle installazioni interattive (exibit) sulla sostenibilità.

Gli studenti della Bassa Romagna hanno così avuto la possibilità di presentare a tutte le scuole della regione la loro esperienza e i loro prototipi realizzati in occasione di “Generazione Futuro Green”, cioè gli exibit progettati dal Liceo Scientifico sui “campi elettromagnetici” e “l’aereo fotovoltaico” e l’exibit “ricambio d’aria con scambiatore di calore” realizzato dal Polo tecnico professionale (corso geometri).

Mercoledì 10 maggio, invece, Generazione Futuro Green concluderà il suo primo ciclo di tour nella scuola media "Luigi Varoli" di Cotignola e riprenderà le attività a ottobre con il nuovo anno scolastico, sempre accompagnato dagli operatori del Ceas Bassa Romagna.

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento