venerdì 26 maggio 2017

Guardare e vedere le differenze

Ad Alfonsine la premiazione delle migliori fotografie


Domani sabato 27 maggio, alle 16.30, nella sala consigliare del Municipio di Alfonsine, in piazza Gramsci 1, saranno premiati i vincitori del concorso fotografico organizzato nell’ambito del progetto “Guardare e Vedere le Differenze”.
Alla premiazione delle migliori tre fotografie e della menzione speciale della giuria alle classi meritevoli, saranno presenti Paola Pula, assessora alle pari opportunità dell'Unione dei Comuni della Bassa Romagna, e Marzia Vicchi, assessora alle pari opportunità del Comune di Alfonsine.

Al concorso hanno partecipato tre classi dell’Istituto comprensivo "Luigi Battaglia" di Fusignano, quattro della scuola media “Felice Foresti” di Conselice, altrettante della scuola media “Alfredo Oriani” di Alfonsine e una classe della scuola media di Longastrino.

“Guardare e Vedere le differenze” è nato con l’obiettivo di prevenire violenze e discriminazioni e ha coinvolto ragazzi e ragazze per stimolare un maggiore spirito critico sulla realtà che li circonda per poi fotografare e mettere in discussione gli stereotipi più comuni. L’intero progetto si è articolato in tre parti: la formazione degli insegnanti e di studenti e studentesse con lezioni di fotografia e, infine, la premiazione delle tre migliori foto.

La giuria, composta da Micaela Algranati, Gian Piero Corelli, Marina Guerra, Donatella Guerrini, Wilma Guerrini, Franco Ferretti e Claudia Merighi, ha selezionato 160 fotografie, che possono essere viste nella mostra ospitata dalla galleria Aurora, in corso Matteotti, ad Alfonsine, nelle quattro serate della Sagra delle Alfonsine, da giovedì 25 a domenica 28 maggio, dalle 18 alle 22.30.

“C’è una differenza - hanno dichiarato le organizzatrici - fra l’atto di guardare e quello di vedere il mondo che ci circonda. Gli stereotipi sono strutture rigide di senso, cristallizzano e rafforzano le identità tradizionali ma lasciano poco spazio alla libera costruzione della propria individualità e una volta formati sono difficili da smontare. L’attribuzione di valore positivo o negativo alle differenze si trasforma in disuguaglianze tra uomini e donne”.

Il progetto “Guardare e Vedere le differenze” è nato dalla collaborazione tra le associazioni “Artemide - Donne della Bassa Romagna” di Lugo, “Caffè delle ragazze” di Conselice, “Demetra donne in aiuto” di Lugo, “INconTRAdonne” di Alfonsine, con il contributo dell’Udi di Massa Lombarda e il patrocinio dell'Unione dei Comuni della Bassa Romagna.

Tutte le associazioni operano da anni sul territorio dei nove Comuni della Bassa Romagna con l’obiettivo di contribuire a un cambiamento culturale nelle relazioni tra uomini e donne, prevenire la violenza e gettare i semi per una cultura del rispetto.

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento