martedì 16 maggio 2017

La poesia del Martedì

 L'aspitèva

Aslunghé par tëra,

avsé e’ canȥèl de cȃmp sȃnt,

fèrum,

un nērb u j sälteva ins la schëna

e un urècia l’as alȥéva

quȃnd che ’na vos e’ sintéva.

J ócc asré,

è paréva ch’ durmèş,

ma l’arèb moş la coda

s l’avèş ’cnunsù i su pëş.

L’arèb magnè da cla mȃn

ch’ l’a j daséva al carèȥ,

è cumpȃgn’d tót i dé

int e’ bèn e int e’ pez.

I l truvè dop ’na smȃna

ch’ un s era maj moş da lè,

cun e’ mus ’pugé par tëra,

a ’spité qual ch’ u n sarèb pio’ turné.

Roberto Pontoni


L'attesa  

Allungato per terra, / vicino al cancello del

cimitero, / fermo, / un nervo gli saltava

sulla schiena / e un orecchio si alzava /

quando sentiva una voce.

Gli occhi chiusi, / sembrava dormisse, / ma

avrebbe mosso la coda / se avesse

riconosciuto i suoi passi.

Avrebbe mangiato da quella mano / che gli

dava le carezze, /il compagno di tutti i

giorni / nel bene e nel male.

Lo trovarono dopo una settimana / che non

si era mai mosso da lì, / con il muso

appoggiato a terra, / nell’attesa di colui

che non sarebbe più tornato.

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento