martedì 9 maggio 2017

La poesia del martedì

UN MISEL

L’à fat un misël d mè incantunëda,

pighëda a mëz sota ala timpësta,

u là bot in te fiou che cor seiza rispir.

Mo e fiou e va ae mër e e troava e srei.

L’era chealm la prema vualta c al ò vest,

e baseva e zil, gnac na nuvla, né na svintaiè.

Adeas l’à e culor di mi murlou, de mi distei,

che tribola, cl armuleina in t la viuleiza.

La su rabia l’am mutla adoas a l’impruvisa,

aiò magnè la sabia, mandèa zò aqua salëda,

agli ond al sbat in qua e in là ste povar misël

goufi d fil malè chi aspëta l’ultum s-ciafou
Poesia finalista al concorso Spallicci 2017

Lucia Baldini
Ha fatto un gomitolo di me in un angolo, / rannicchiata e piegata sotto la bufera,/ l’ha gettato nel fiume che corre senza respiro./ Ma il fiume va al mare e trova il sereno./ Era calmo la prima volta che l’ho visto, / baciava il cielo, neanche una nuvola, nessun soffio di vento./ Adesso ha il colore dei miei lividi, del mio destino,/ che soffre, che ruota vorticoso nella violenza./ La sua rabbia mi muggisce addosso all’improvviso,/ ho mangiato sabbia, deglutito acqua salata,/ le onde sbattono in qua e in là questo povero gomitolo/ gonfio di fili malati che attendono l’ultimo colpo.

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento