martedì 2 maggio 2017

Semplificazione urbanistica

Continuano i lavori in vista della nuova legge Regionale


Il Tavolo con le associazioni e gli ordini professionali si è riunito a Lugo



Continuano i lavori del Tavolo per la semplificazione urbanistica voluto dalla giunta dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna, che segue il percorso di variante della vigente strumentazione urbanistica dell'Unione.

Nella Sala del Consiglio della Rocca di Lugo è stato fatto il punto sulla semplificazione urbanistica nell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna, in un incontro a cui hanno partecipato i rappresentanti del Tavolo della semplificazione della Bassa Romagna, composto dalle associazioni di categoria e dagli ordini professionali.

L'obiettivo dell'Amministrazione è quello di giungere entro un mese all'apertura della conferenza di pianificazione per l'adozione di una variante al Piano Strutturale e al Regolamento Urbanistico Edilizio approvati nel 2009 e nel 2012. I temi principali all'ordine del giorno del Tavolo sono quelli relativi al contenimento del consumo di suolo, delle norme sugli assi commerciali dei centri storici, sui fabbricati storici vincolati, sulle zone produttive anche in ambito agricolo.

In particolare si procederà in stretta collaborazione con i membri del Tavolo, alla verifica e selezione delle aree di potenziale espansione in vista di una loro riduzione, alla modifica delle norme del Rue che riguardano gli assi commerciali per liberare nuove potenzialità per il recupero di vani abbandonati, alla modifica delle norme relative agli edifici vincolati per ammettere anche interventi più incisivi nel perseguire maggiore sicurezza strutturale, incentivi e possibilità maggiorate per gli insediamenti produttivi, anche delle aziende agricole.

“L'auspicio è di ottenere sempre più coerenza tra le azioni di pianificazione dell'Amministrazione e le necessità degli operatori del territorio, per incentivare le trasformazioni virtuose e attrarre nuovi investimenti, in attesa che la Regione approvi la nuova normativa che cambierà l'approccio generale della pianificazione urbanistica in Emilia-Romagna - ha sottolineato Davide Ranalli -. Con le associazioni economiche e gli ordini professionali del territorio abbiamo discusso della revisione del Piano strutturale comunale (Psc) e del Regolamento urbanistico edilizio (Rue). La Bassa Romagna attraverso il lavoro del Tavolo torna a orientarsi verso uno sviluppo condiviso e sostenibile. Semplificare i regolamenti urbanistici ed edilizi è il nostro imperativo, per rendere il nostro territorio più semplice e quindi attrattivo per cittadini e imprese”.

L'incontro segue quello dello scorso novembre, nel corso del quale il consigliere regionale Mirco Bagnari ha presentato le modiche della nuova legge regionale sull’urbanistica.

“La revisione definitiva degli strumenti urbanistici avverrà dopo l'approvazione della nuova legge - ha sottolineato Gabriele Montanari, responsabile del Settore Programmazione territoriale dell’Ucbr -. Nel frattempo, in questi tre anni cercheremo di avvicinarci ai canoni futuri”.

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento