mercoledì 3 maggio 2017

Terre di Dante

All'"estero" ma ci piace

Proseguono le attività del Parco Letterario “Terre di Dante”, in vista del centenario della morte del Sommo Poeta (1321 – 2021): dopo la calorosa accoglienza ricevuta in Svezia, il Parco sta progettando un nuovo tour in altri paesi europei. Intanto, sono già in preparazione i primi gruppi svedesi che hanno accettato le proposte di viaggio illustrate, curiosi di conoscere Ravenna, la Romagna e la bellezza dell’Italia Dantesca.


In questi giorni, grazie alla collaborazione della Regione Emilia Romagna, dell’Unione dei Comuni del Mugello e della Società Dante Alighieri, il Parco Letterario Terre di Dante ha concluso il suo Tour “dantesco” in Svezia con tappe nelle città di Stoccolma, Goteborg e Orebro.

Grande l’accoglienza e numerosa la partecipazione, grazie anche all’ospitalità dei Comitati Dante Alighieri presenti sui territori e dell’Istituto Italiano di Cultura di Stoccolma; sono già arrivate nel frattempo le prime adesioni di alcuni gruppi, pronti per venire in Italia nell’autunno prossimo venturo.

Il Parco Letterario “Terre di Dante” sta progettando inoltre, sempre per l’autunno prossimo, un secondo tour europeo in Francia, Paesi Bassi e Germania.

Durante le giornate svedesi, il patrimonio artistico di Ravenna e della Romagna dantesca è stato illustrato attraverso slide show e letture commentate dei versi di Dante. Ha suscitato emozione la bellezza, poco conosciuta in Svezia, dei mosaici ravennati e delle basiliche ariane e cristiane. Curiosità ed interesse ha creato il collegamento “slow” fra Firenze e Ravenna, attraverso il Mugello e la Romagna toscana, della Ferrovia Faentina “Treno di Dante”.

Relatore sulla Divina Commedia, Giuseppe Chicchi (membro del Comitato Scientifico del Parco Letterario); sul territorio dell’esilio e le sue opportunità, Attilio Moroni (Responsabile Viaggi e Marketing); su “2017 anno di Giotto” e sul Mugello, Valentina Dainelli.

A Stoccolma, la prestigiosa sede dell’Istituto Italiano di Cultura, realizzata nel 1958 dall’architetto Giò Ponti e completamente arredata con sue creazioni, è stata messa a disposizione del locale Comitato Dante Alighieri dalla cortesia della dottoressa Virginia Raggi, direttrice dell’Istituto.

Nel primo pomeriggio del 24 aprile si è svolto un incontro con agenti di viaggio e blogger svedesi per presentare i luoghi danteschi e le opportunità di viaggio. Nel tardo pomeriggio si è tenuto l’evento dantescoseguito con attenzione ed entusiasmo dagli iscritti alla Società Dante Alighieri e da appassionati della cultura italiana.

A Goteborg, il giorno 25 aprile, l’evento si è tenuto nella sede della “Università del Popolo”, con modalità analoghe. Vi hanno preso parte soci della Dante Alighieri e allievi di ogni età della locale scuola di lingua italiana.

Il giorno 26 aprile l’evento si è spostato nella città di Orebro, presso la chiesa luterana del centro cittadino; anche qui una calorosa accoglienza ha animato una serata all’insegna della passione per l’Italia e la sua cultura.

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento