venerdì 19 maggio 2017

Vicini di casa lontani all’anagrafe

A Lugo



Oggi, l’evento conclusivo del progetto che ha coinvolto gli anziani della Casa Residenza Anziani San Domenico e i bambini della scuola San Giuseppe di Lugo



Oggi, venerdì 19 maggio alle ore 17 le porte della Casa Residenza Anziani San Domenico di Lugo (in via Emaldi 23), gestito dalla cooperativa In Cammino, si apriranno per la presentazione di una nuova pubblicazione, il risultato del progetto “Vicini di casa lontani all’anagrafe” che negli scorsi mesi ha coinvolto gli anziani ospiti della struttura e i bambini frequentanti la Scuola San Giuseppe di Lugo.

“Il progetto Vicini di casa lontani all’anagrafe - spiega Daniela Zannoni, coordinatrice della Casa residenza - è nato al fine di creare una relazione tra gli ospiti della nostra Casa e i ragazzi della scuola vicina attraverso la costruzione di un documento storico sull’edificio San Domenico di cui una volta facevano parte sia la Casa residenza che la Scuola, divisi nel 1930 per far posto all’attuale via Compagnoni.


La storia del palazzo inizia alla fine del 1400 e nel corso dei secoli sono state diverse le destinazioni d’uso che l’hanno caratterizzato: Convento dei frati domenicani, Caserma, complesso abitativo di case popolari e, dal 1991, Casa Residenza per anziani”.

Anziani e ragazzi hanno accolto l’iniziativa con grande entusiasmo: “Siamo molto soddisfatti dei risultati ottenuti con questo progetto - continua Zannoni -. Tutti i partecipanti si sono mostrati molto interessati, curiosi e intraprendenti e si sono instaurate delle forti relazioni. 


Gli anziani, prima dell’incontro iniziale con i giovani studenti, si sono preparati molto leggendo e informandosi insieme alle animatrici dell’istituto sulla storia del San Domenico. Poi una volta incontrati i ragazzi sono stati travolti dalla loro vivacità e curiosità raccontando quanto ricordavano della storia dell’edificio e ricostruendone le vicende insieme a loro.

Durante i successivi incontri del progetto abbiamo ospitato diversi esperti, tra i quali l’architetto Maurizio Gordini e gli archeologi Gianluigi Gambi e Giovanni Valentinotti, che hanno accompagnato studenti, operatori, insegnanti e anziani in una suggestiva visita dei luoghi esterni e nascosti del San Domenico”.

Il 19 maggio oltre al volume che racconta la storia del San Domenico ricostruita dai partecipanti al progetto verranno anche esposti integralmente gli elaborati degli alunni insieme alle foto e ai video dei momenti passanti insieme agli anziani della struttura.

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento