giovedì 1 giugno 2017

"Gli occhi di Baracca": Lugo nelle foto di Paolo Guerra dal '46 al '59

Il centro storico
di Giacomo Casadio

Sulla facciata del palazzo Trisi colpito duramente dalle pallottole alleate, ma non ancora riparato, un grande manifesto invita al SUPER-VEGLIONE del Rossini, organizzato dal Partito Repubblicano nel centenario della Repubblica Romana. Siamo quindi nel 1949.
Si ricorda al pubblico che ci saranno due orchestre, sedici solisti e tre cantanti, ma soprattutto il ballo continuo di dodici ore, con scelto repertorio di ballabili antichi !!





Da una finestra dello stesso palazzo Guerra riprende la piazza Trisi in un giorno di mercato, che allora era adibito a vendita di animali vivi, come polli e conigli. Da notare alcuni particolari: il Pavaglione aveva ancora la struttura originale e sarebbe stato modificato alcuni anni dopo. 
Sul lato Nord della Chiesa del Carmine c’è un distributore di benzina. 
Nella parte bassa della foto si nota un prete in bicicletta. Era forse Don Camillo in trasferta?


Anche Piazza Garibaldi era molto tranquilla e si poteva giocare al pallone al bracciale.
Dietro al giocatore c’è un palazzo che ospitava la trattoria delle Pironi, nella quale sono state girate alcune scene dell’episodio La Riffa con regia di De Sica del film Boccaccio ’70.
Il pozzo è ancora al suo posto.


Il mercoledi la piazza si animava per il mercato settimanale.
In questa foto dell’immediato dopoguerra si vedono alcuni particolari interessanti.
Il palazzo a destra è il comando dei Carabinieri ancora semi-distrutto dal bombardamento del 9 aprile 1945.
Nello sfondo spicca la grande casa Boschi che sarà abbattuta per far posto al centro commerciale Il Globo.
Un piccolo furgoncino sulla destra porta la scritta PRONI PIANTE e a terra c’è un alberello da vendere.
Non c’è traccia del mercato del pesce, che si svolgeva nel lato Nord del castello nelle pescherie, oggi luogo di mostre.




Giacomo Casadio

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento