lunedì 19 giugno 2017

Il "caso" Molinaro

Riceviamo dal PD e pubblichiamo

Sta suscitando polemiche quanto accaduto nell’ultima seduta del Consiglio dell’Unione dei Comuni.



Questi i fatti, incontestabili: il consigliere Angelo Molinaro giungeva in aula a seduta quasi conclusa, prendeva posto nello spazio riservato al pubblico e – proprio mentre il Presidente stava dichiarando chiusa la seduta stessa – pretendeva di intervenire “come cittadino” da quello spazio. Una pretesa evidentemente del tutto irrituale e fuori dal regolamento.

Non solo: il Consigliere Molinaro aveva un atteggiamento visibilmente alterato – imbarazzante per tutti i presenti – e addirittura aggrediva verbalmente il Sindaco di Conselice Paola Pula, peraltro avvicinandosi fisicamente alla stessa con fare minaccioso. Lo stesso veniva poi accompagnato fuori dall’aula dalla Polizia municipale, a seduta conclusa.

Alla luce di questo ci saremmo aspettati una netta presa di posizione anche delle forze di opposizione che censurasse la condotta del Consigliere Molinaro.

Stupisce e rammarica quindi che i Capigruppo di minoranza abbiano invece preferito rivolgere un infondato attacco al Capogruppo PD Lorenzo De Benedictis. La dichiarazione delle minoranze (dalla quale si evince comunque che – consultate sull’episodio - non hanno sollevato obiezioni alla corretta scelta del Presidente di chiudere la seduta senza concedere la parola a Molinaro), ci sembra non sposti i termini della questione.

Il punto è infatti uno solo: con il suo comportamento Molinaro ha dimostrato non solo totale sprezzo dei regolamenti ma anche – e soprattutto – una palese mancanza di rispetto dell’istituzione e di tutti i consiglieri, di maggioranza e di opposizione, costretti ad assistere a uno spettacolo assolutamente estraneo alla cultura civile e istituzionale della Bassa Romagna, che si auspica non debba ripetersi.

Siamo convinti che tutti coloro che hanno a cuore questa cultura possano concordare con la nostra valutazione.

Maurizio Montanari
Portavoce coordinamento PD Bassa Romagna

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento