martedì 27 giugno 2017

La poesia del martedì

        Tãnt žintila….

Tãnt žintila li la pê,
nnc unësta, in varitê,
e a sintila salutê
tot j’è mot, i-n pö guardê.
E sintèndas pu ludê,
tota vstida d’umiltê,
la pê un cvël che l’è arivê
žo da e’ zil, ch’l’è vnu a mustrê
un miràcul d santitê
ch’u-t fa l’ãnma suspirê.
Röba vëcia, röba antiga,
che incù i cvel j’à un’êtra piga!
E se Dante e’ fos a cvè,
‘s’a dirèbal incudè?
Cun la döna emancipêda
la-s fa tresta la giurnêda!
La n’è piò còm ch’l’éra prèma,
còma ch’l’éra la su Gèma,
sempr’in ca, fê da magnê,
a pulì, lavê, stirê,
tot e’ dè a badêr a i fjul,
e lo in žir stra i Rumagnul
e stra i Vènet, a vajõn,
e cun toti al distraziõn,
cun la scuša ch’l’è esiliê
e che a ca u n’i pö turnê.
Nnca li pu incù l’andreb
dagli amighi un pô a fê d treb,
pr’al butég, avãnti e indrì,
a cumprê dal schêrp, di vstì,
e pu a e’ bar a tu’ un cafè
e la tórna a ca a maždè.
Lo u-j direb: “In do’ a sit stêda?”
La-j fareb una rišêda,
la-j direb: “E’ mi Alighiéri,
a sò stêda pr’i mi aféri!”
D Beatrice a n’in scurn,
ch’u l’à vesta stra i ciatn
una vôlta, ch’l’éra in ciša.
Fôrsi incù la n’i sreb briša,
l’è piò fàzil, a cl’etê,
che la seja ža a balê
cun  j’amig, cun e’ ruset,
minigonna o bragõn stret.
Mo sta röba la n’impôrta,
l’è che žóvna la-n sreb môrta
incudè, cun e’ prugrës
dla midgna ch’u j’è adës!
S’la n’è môrta, ch’l’è guarida,
la-n putreb piò fê da guida 
int e’ mëž de’ Paradiš,
cvest l’è pôc, mo l’è praciš,
e par cólpa dla midgna
la Cumégia la s’arvna.
L’areb pérs l’ispiraziõn
e, cadènd in tintaziõn,
int e’ mëž d’una furësta
u n’areb piò pérs la tësta,
parchè u-s sreb mudernižê,
snza bšögn d’andê a scumdê
nè Virgilio, nè Barnêrd,
arivènd a e’su traguêrd
snza bšögn d’avé una guida,
artruvènd la strê šmarida
in pôc tmp e snza erór
cun un bël navigadór,
agiurnê, l’ùltum mudël
….ch’u-j fa vdé prinfèna al stël.

Franco Ponseggi


          Tanto gentile….

Tanto gentile lei pare,
anche onesta in verità,
e a sentirla salutare
tutti sono muti, non possono guardare.
E sentendosi poi lodare,
tutta vestita di umiltà,
pare una cosa che è arrivata
giù dal cielo, che è venuta a mostrare
un miracolo di santità
che ti fa l’anima sospirare.
Roba vecchia, roba antica,
che oggi le cose hanno un’altra piega!
E se Dante fosse qui,
cosa direbbe oggigiorno?
Con la donna emancipata
si fa triste la giornata!
Non è più come era prima,
come era la sua Gemma,
sempre in casa, fare da mangiare,
a pulire, lavare stirare,
tutto il giorno a badare ai figli,
e lui in giro tra i Romagnoli
e tra i Veneti, a zonzo,
e con tutte le distrazioni,
con la scusa che è esiliato
e che a casa non può tornare.
Anche lei poi oggi andrebbe
dalle amiche un po’ a fare chiacchiere,
per i negozi, avanti e indietro,
a comprare delle scarpe, dei vestiti,
e poi al bar a prendere un caffè
e ritorna a casa a mezzogiorno.
Lui le direbbe: dove sei stata?
Lei gli farebbe una risata,
gli direbbe:”Il mio Alighieri,
sono stata per gli affari miei!”
Di Beatrice non ne parliamo,
che l’ha vista tra i bigotti
una volta, che era in chiesa.
Forse oggi non ci sarebbe affatto,
è più facile, a quell’età,
che sia già a ballare
con gli amici, col rossetto,
minigonna o calzoni attillati.
Ma questa roba non importa,
è che giovane non sarebbe morta,
oggigiorno, con il progresso
della medicina che c’è adesso!
Se non è morta, che è guarita,
non potrebbe più fare da guida
nel mezzo del Paradiso,
questo è poco, ma è preciso,
e per colpa della medicina
la Commedia si rovina.
Avrebbe perso l’ispirazione
e, cadendo in tentazione,
nel mezzo di una foresta
non avrebbe più perso la testa,
perché si sarebbe modernizzato,
senza bisogno di andare a scomodare
né Virgilio, né Bernardo,
arrivando al suo traguardo
senza bisogno di avere una guida,
ritrovando la strada smarrita
in poco tempo e senza errore
con un bel navigatore,
aggiornato, l’ultimo modello,
…..che gli fa vedere persino le stelle.

Franco Ponseggi

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento