sabato 24 giugno 2017

Oltre 10mila persone aderiscono all'Anticipo Pensionistico

Riceviamo da Matteo Renzi e pubblichiamo

Stamani pensando a cosa segnalarvi per questa E-news mi sono messo a riflettere sul valore del tempo. E sulla necessità di dare tempo al tempo, di gustare l'attesa, di essere pazienti. Basta non avere fretta, dare tempo al tempo e le cose si mostrano per come sono. 


È proprio il tempo l'arma contro le fake news: come sosteneva Oscar Wilde, chi dice la verità prima o poi viene scoperto.

Dai tempo al tempo e scopri che oltre 10mila persone aderiscono all'Anticipo Pensionistico (APE), voluto con forza nei MilleGiorni per consentire ad alcune categorie di lavoratori di andare in pensione prima, nonostante la Legge Fornero. Migliaia di persone hanno visto la data della pensione sgusciare via di mano ogni anno. Noi abbiamo deciso di affrontare questo problema. 

Quando nello scorso autunno abbiamo annunciato questo intervento, ci hanno subissato di critiche e di fischi. L'ennesimo spot renziano, non funzionerà mai.
E invece funziona. Eccome se funziona. E questa è solo APE sociale e precoci. Quando arriverà quella volontaria - bloccata dai tradizionali ritardi della burocrazia centrale - vedrete che i numeri cresceranno ancora.

Vorrei dire grazie a tutti, ma soprattutto una persona che ha creduto all'APE quando non ci credeva nessuno: Tommaso Nannicini. Il successo di queste ore è innanzitutto un successo suo. Un brindisi a chi lascia il posto in (leggero) anticipo, sperando che anche questo aiuti i giovani a entrare prima nel mondo del lavoro. E un abbraccio a tutti quelli che durante le trasmissioni televisive dell'autunno ci riempivano di critiche. Era una promessa, adesso è una legge. La filosofia del passo dopo passo è quella vincente. Da luglio arrivano anche gli aumenti per le pensioni minime. Tempo al tempo...
Dai tempo al tempo e si scopre che la revisione della spesa in tre anni ha prodotto quasi 30 miliardi di euro di risparmio: altro che spending review inutile. Dai tempo al tempo e scopri che i grandi eventi - come quello bellissimo di Christo lo scorso anno sul Lago d'Iseo - servono: a qualcuno fischieranno le orecchie nella capitale per l'assurda decisione di tagliarsi le gambe da soli sulle Olimpiadi? 

Dai tempo e al tempo e scopri che in Francia un candidato che ha preso il 23% al primo turno governerà per cinque anni con una maggioranza schiacciante anche alle legislative grazie al ballottaggio, e allora sì, ok, abbiamo perso ma dobbiamo essere contenti di averci provato: perché la riforma costituzionale avrebbe fatto il bene del nostro Paese. 

Dai tempo al tempo e il Papa sale a Barbiana, raccogliendosi in preghiera davanti a quella tomba (ho ancora nella mente le risate dolci e affettuose di don Renzo Rossi quando raccontava come don Milani il secondo giorno di vita a Barbiana decise di andare in comune a Vicchio per scegliersi il posto nel cimitero): oggi la Chiesa riconosce anche simbolicamente che prima di tutto don Lorenzo era un prete. E per chi conosce la storia di don Milani questo riconoscimento è forse il più importante. 

Dai tempo al tempo ed emerge che la questione dello Ius Soli è la più strumentalizzata ideologicamente: non si tratta di regalare la cittadinanza, ma di anticiparla riconoscendo una realtà che già esiste, non inventandosi nulla di nuovo. 

Dai tempo al tempo e vedremo se quelli che ci facevano la predica urlando "Onestà, onestà" fuori dai palazzi riusciranno a provare la loro innocenza nelle aule di tribunale: cosa che ci auguriamo di cuore, per loro e per l'Italia. Perché noi siamo per la giustizia non per il giustizialismo. Perché noi siamo garantisti sempre, non a giorni alterni. 

Tempo al tempo, amici. Senza fretta. Saranno mesi interessanti.

Un sorriso, Matteo
blog.matteorenzi.it
matteo@matteorenzi.it

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento