venerdì 9 giugno 2017

Solo luci sul rendiconto di metà mandato della Giunta Ranalli?

Il maggior numero di imprese cessate dalla attività, rispetto ai territori del comprensorio ravennate e faentino


Non occorre scomodare John Maynard Keynes per capire che una economia in salute presuppone che le imprese producano utili per sviluppare ricchezza da distribuire alle maestranze, alimentando il ciclo dei consumi privati delle famiglie.

Pochi giorni fa, Bruno Pelloni, portavoce della Associazione “Per la buona Politica” di Lugo, faceva notare come, in base ai dati pubblicati dalle rilevazioni della Camera di Commercio di Ravenna, il territorio di Lugo e della Bassa Romagna abbia registrato il maggior numero di imprese cessate dalla attività, rispetto ai territori del comprensorio ravennate e faentino.

Una classifica non certo esaltante che il sindaco Davide Ranalli e l’intero Pd lughese si guardano bene dal ricordare nel momento in cui si tengono le “celebrazioni pubbliche”, relative ai risultati dell’operato di metà mandato della nuova Giunta guidata dal sindaco Ranalli, insediatasi a Lugo a seguito del risultato delle elezioni comunali del 2014.

Così come non v’è traccia del tema del peso eccessivo della fiscalità che grava sulle imprese lughesi, compresa quella parte di fiscalità che è decisa dalle giunte dei enti locali e che grava pesantemente sulle imprese che producono e resistono, a fatica, sul mercato interno ed internazionale.

Proprio oggi l’Osservatorio della Cna sulla piccola impresa ci informa che gli imprenditori lughesi cominceranno a guadagnare, per sé stessi e la propria famiglia, a partire dal 4 agosto, quelli faentini a partire dal 24 luglio, i ravennati dal 6 agosto ed i cervesi dal 17 agosto.

Ne deriva che fino al mese di luglio e di agosto le imprese della provincia di Ravenna devono destinare il ricavato della loro produzione esclusivamente al pagamento delle tasse: nazionali e locali.

E considerato che i quattro territori analizzati: il lughese, il faentino, il ravennate ed il cervese, sono tutti governati da giunte del Pd, forse qualche riflessione sarebbe utile porsela.

Ma di questi temi, almeno a Lugo, non si è sentito parlare nell’analisi che l’amministrazione sta facendo sul bilancio di metà mandato.


Roberto Drei
"Per la buona Politica". 

Stampa questo articolo

1 commento:

  1. SEMPRE SUL PEZZO IL NOSTRO ROBERTONE magari un po dimentico di chi gli ha volutp molto bene

    RispondiElimina