giovedì 13 luglio 2017

"Amarcord" il capolavoro felliniano

Per la prima sera all'Arena delle balle di paglia



Oggi, giovedì 13 luglio a Cotignola, dove il fiume Senio incontra il Canale emiliano romagnolo, inaugura la nona edizione dell’Arena delle balle di paglia dell’associazione Primola.


Il tema che ha suggestionato l’edizione di quest’anno, che proseguirà fino a martedì 18 luglio, è “Felliniani e filosofi di campagna”.

Il programma inizia alle 19, con l’inaugurazione del Villaggio dei teatri mobili con Girovago e Rondella da Viterbo e la Compagnia Dromosofista da Barcellona, lungo la carraia di accesso all’Arena, che sarà presente tutte le sere.

Alle 20 al Ridotto balle l’attore Vito racconterà il suo incontro con Fellini, intervistato da Maria Pia Timo.

Alle 21.40 sul palco principale sarà proiettato Nell’Arena, film di Marco Morandi con musiche di Matteo Scaioli e suoni di Andrea Lepri. Nello scenario delle serate di festa si alternano le vicende surreali di vari personaggi, figure felliniane che diventano una proiezione del sentire, lo sfondo di un viaggio interiore.

Seguirà la proiezione di Amarcord, ritratto felliniano universale della Romagna che fu, nella versione restaurata dalla Cineteca di Bologna.

Il contributo richiesto per partecipare alla serata è di almeno 2 euro.

Per i bambini alle 19 alla Golena dei poeti ci sarà “Il grande gioco dei vecchi giochi”, per non smettere di sognare con Midona, Tabachera e Gradisca, che condurranno i partecipanti nell’onirico mondo dei giochi dimenticati.

Tutte le sere all’Arena dalle 19 alle 24 è allestito il villaggio dei teatri mobili con Girovago e Rondella e la Compagnia Dromosofista. Due gli spettacoli, uno ogni ora: Manoviva, burattini a cinque dita che camminano, e Antipodi, un viaggio surreale su un cavallo in miniatura, tra personaggi stralunati e minuscoli uomini d’ombra in corsa. Il biglietto per assistere agli spettacoli costa 6 euro (3 euro per i bambini); prenotazioni al 333 4183149 (dalle 16 alle 20), oppure sul posto prima e dopo gli spettacoli.

L’arte di terra e di fiume occuperà tutti gli spazi dell’Arena con otto installazioni. Sarà presente anche quest’anno la casa della fotografia, tutte le sere dalle 19.30. Gli iscritti a Primola Cotignola potranno chiedere sul posto i ritratti scattati (anche quelli degli anni precedenti, è necessario munirsi di chiavetta Usb).

Tra gli spazi liberamente fruibili, vi è la Golena dei morti felici, allestita senza elettricità, per chiunque cerchi uno spazio poetico.

Come ogni anno all’interno dell’Arena ci sarà il bar delle acacie con piadine farcite con salumi, formaggi e verdure, prodotti biologici per vegetariani e vegani, prodotti senza glutine, vini di vitigni autoctoni, birra, succhi di frutta e macedonia di frutta fresca.

L'Arena è raggiungibile dal centro di Cotignola: all’altezza del ponte sul Senio, è possibile percorrere l’argine sinistro del fiume fino all’Arena. Oppure con l’auto si può parcheggiare nel campo sportivo di via Cenacchio, per proseguire poi a piedi o in bicicletta seguendo le indicazioni che conducono all’Arena. È consigliata una torcia. Servizio navetta per mobilità ridotta chiamando il 333 4183149 (attivo i giorni dell’Arena dalle 16 alle 20).

L'Arena delle balle di paglia è realizzata da Quelli di Primola Cotignola, con la collaborazione e l’aiuto della Regione Emilia-Romagna, del Comune di Cotignola e del Consorzio per il Canale Emiliano Romagnolo; con la collaborazione di Scovill, Moto Club “I Leoni”, Amici del fiume Senio, Società ciclistica Cotignolese, Gagarin - Orbite Culturali, Sette Sere Qui; con il supporto di Vulcaflex, La Sabbiona, Cna provinciale di Ravenna, Natura Nuova, Leone Srl, Consorzio Astra. Hanno aiutato nella costruzione i richiedenti asilo ospitati a Budrio da Cefal.

Tutti gli aggiornamenti e il programma completo sono disponibili sul sito www.primolacotignola.it e sulla pagina Facebook “Nell’Arena delle balle di paglia”. 

Per ulteriori informazioni, chiamare il numero 333 4183149 (dalle 16 alle 20).

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento