sabato 8 luglio 2017

Art Bonus

Il gioco del pallone a bracciale


È stato finanziato completamente il primo dei quattro interventi individuati dal Comune di Bagnacavallo per essere sostenuti con erogazioni liberali attraverso l'Art Bonus.




Si tratta della pubblicazione di un libro dedicato al gioco del pallone a bracciale, un tempo molto seguito a Bagnacavallo e le aziende che hanno scelto di ricorrere a questa modalità di mecenatismo, per un importo di 2.500 euro ciascuna, sono Dirani Marino srl di Lugo e Blu Inox srl di Sant'Agata sul Santerno.

La redazione del libro è coordinata da Patrizia Carroli dall'Archivio storico comunale e coinvolge i ricercatori Guido Dirani, Angelo Emiliani e Leone Cungi. La pubblicazione sarà presentata durante la Festa di San Michele 2017, in occasione di un'intera giornata, domenica 1 ottobre, dedicata all'antico gioco che nel corso dell'Ottocento rappresentò uno degli spettacoli di punta per la tradizionale festa.

Popolarissimo per secoli, fino a toccare nell'Ottocento i vertici massimi del consenso e della popolarità, nel Novecento il gioco del pallone col bracciale conobbe un lento ma inesorabile declino, soppiantato da altri sport, il calcio in particolare. Bagnacavallo fu un centro del gioco del pallone col bracciale ed ebbe nel XIX secolo il suo massimo campione, Antonio Dirani, detto Il Toro. Lo sferisterio di Bagnacavallo è tuttora, grazie alla squadra della Fulgur, uno dei poli nazionali del gioco del tamburello, che può essere considerato tra gli eredi del pallone col bracciale.

Gli altri interventi importanti per il territorio bagnacavallese che possono essere cofinanziati da aziende e privati grazie all'Art Bonus sono la sistemazione dell'ex casa del custode presso il Centro Culturale Le Cappuccine, la riqualificazione del teatro comunale Goldoni con recupero del ridotto e il recupero del ponte storico di Villa Prati.

L'Art Bonus ha introdotto un regime fiscale agevolato di natura temporanea, sotto forma di credito di imposta, nella misura del 65 per cento delle erogazioni effettuate in favore delle persone fisiche e giuridiche che effettuano erogazioni liberali in denaro per interventi a favore della cultura e dello spettacolo.

In particolare il credito d’imposta del 65 per cento è riconosciuto per le donazioni a favore di: interventi di manutenzione, protezione e restauro di beni culturali pubblici; musei, siti archeologici, biblioteche e archivi pubblici; spese di investimento per teatri pubblici e fondazioni lirico sinfoniche. Risultano beneficiari del credito d’imposta le persone fisiche e gli enti non commerciali nei limiti del 15 per cento del reddito imponibile e i soggetti titolari di reddito d’impresa nei limiti del 5 per mille dei ricavi annui.

Il credito è riconosciuto anche alle donazioni a favore dei concessionari e affidatari di beni culturali pubblici per la realizzazione di interventi di manutenzione, protezione e restauro.

Per informazioni
www.comune.bagnacavallo.ra.it

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento