martedì 4 luglio 2017

Generazione danza

Al teatro Rossini di Lugo


Venerdì 26 gennaio 2018 ore 20.30
MM Contemporary Dance Company
LE SILFIDI / PULCINELLA






Musiche di Fryderyk Chopin (Le Silfidi) e Igor Stravinskij (Pulcinella)

Scene e disegno luci: Luis Crespo (Le Silfidi) e Cristina Spelti (Pulcinella)

Coreografie di Gustavo Ramirez Sansano (Le Silfidi) e Michele Merola (Pulcinella)

La nuova produzione della MM Contemporary Dance Company porta in scena la rivisitazione di due titoli tratti dal repertorio di balletto del ‘900, entrambi messi in scena a Parigi, agli inizi del secolo, dai Ballets Russes di Diaghilev: Le Silfidi, nella versione del coreografo spagnolo Gustavo Ramirez Sansano, artista che da anni crea lavori per importanti compagnie come, tra le altre, il Nederlands Dans Theater, il Balletto di Amburgo, la Hubbard Street Dance Chicago, la Compania Nacional de Danza, e Pulcinella, ad opera di Michele Merola, direttore artistico e coreografo principale della MM Contemporary Dance Company.

Ma c’è un altro fil rouge che collega le due coreografie, e lo ritroviamo nel primo sperimentatore, per eccellenza, nella musica per danza del ‘900, Igor Stravinskij: il compositore, allora sconosciuto, fu scelto con lungimiranza da Djagilev per orchestrare, prima del debutto a Parigi, il Preludio danzato e il Valzer brillante finale dell’edizione divenuta definitiva de Les Sylphides.
È in quel momento, con quel titolo, che Stravinskij viene “battezzato” alla danza, e da esso si inaugura una collaborazione che feconda l’intero ‘900 con la cornucopia di capolavori da lui creati per Djagilev e i Ballets Russes.

A pochi anni di distanza, Stravinskij creò appunto Pulcinella per la stessa compagnia, ancora per volontà del suo impresario. È sua la geniale revisione di temi di Pergolesi e altri musicisti del ‘700 che innerva la partitura con un segno e una umoralità inconfondibili, per ricchezza di ritmi e freschezza di armonie, che restituiscono al balletto l’elemento allegro e burlesco, sul quale Michele Merola ha lavorato per trovare una strada personale nella coreografia.


Giovedì 15 febbraio 2018 ore 20.30

Spellbound Contemporary Ballet

ROSSINI OUVERTURES

Musiche di Gioachino Rossini

Set concept di Mauro Astolfi, Marco Policastro

Disegno luci di arco Policastro Coreografia e regia di Mauro Astolfi

Dalle note di regia “Rossini fu disconosciuto nell’epoca in cui il pubblico ancora si riconosceva in una produzione destinata al consumo immediato, che riflettesse le aspirazioni di una società in trasformazione; una produzione, in qualche modo, interessata al “realismo”. Oggi invece il pubblico crede meno in una produzione contemporanea e si reca a teatro principalmente alla ricerca di un’evasione estetica e insieme “culturale” dalla vita quotidiana. E’ verosimile che gli ideali estetici di Rossini, volti al conseguimento del sublime, si trovino in immediata sintonia con quelli “antirealistici” dello spettatore moderno.

In questa direzione, leggendo di questa storia di questo straordinario artista che improvvisamente sparisce dalle scene...come da una semplice conversazione e poi ritorna esclamando.. “ Allora dove eravamo rimasti?” ..tutto questo è in questo progetto dove Spellbound percorre la strada di un sogno fatto di tanti momenti, di tante situazioni diverse, di personaggi che tutti insieme raccontano di uomini soli, divertiti, tristi e coraggiosi,in una grande stanza bianca dove scorrono e si mescolano i sapori e i colori di una vita piena, anche di problemi, ma con il gusto di viverla questa vita ..con la stessa arguzia di Rossini che inebriato dalla sua stessa creatività e dalla sua traboccante energia seduceva senza sosta...

Una grande stanza bianca come un immensa tela dove proiettare e amplificare i propri demoni e i propri desideri per poterli mostrare ..ma dove tutto può essere cancellato come in una lavagna. Così come Rossini improvvisamente spariva.”

Rossini Ouvertures celebra la figura artistica ed umana di Gioachino Rossini di cui, nel 2018, ricorreranno i 150 anni dalla morte.


Giovedì 8 marzo 2018 ore 20.30

No Gravity Dance Company

COMIX

Musiche jazz di repertorio

Progetto di Emiliano Pellisari

Emiliano Pellisari riprende uno dei suoi spettacoli di maggior successo. In scena, i suoi danzatori acrobati sfidano le leggi della fisica e utilizzano complesse macchine teatrali di origine barocca. Comix è un piccolo viaggio nelle possibilità della “scatola magica” del palcoscenico, e nell’immaginario contemporaneo. Così si colgono il riferimento stilistico alla Linea di Cavandoli come all’elegante grafismo di Keith Haring, una sbarazzina citazione della Pantera Rosa sul tema di Henry Mancini, le strizzate d’occhio ai cartoni animati della Warner, le incursioni nel mondo pittorico di Magritte e Chagall. E’ un gioco, aereo e illusionistico, fra corpi scomposti, scheletri danzanti, fondi marini. Pellisari recupera da un lato la lezione dei Momix e dall’altro quella del teatro in nero, con risultati di alta spettacolarità



Venerdì 13 aprile 2018 ore 20.30

Naturalis Labor

ROMEO Y JULIETA TANGO

per dodici danzatori.

Musiche di tango

Scene di Antonio Panzuto

Luci di Carlo Cerri

Costumi di Lucia Lapolla

Coreografie e regia di Luciano Padovani

Una produzione importante e di grande appeal. Una scommessa per il coreografo Luciano Padovani che nel corso di questi anni ha firmato numerose creazioni di tango e danza segnando spesso il sold out in vari teatri italiani. Romeo y Julieta Tango porta in scena il dramma shakespeariano e lo racconta attraverso il linguaggio della danza e del tango. Con la musica dal vivo per Cuarteto Tipico Tango Spleen in scena dodici straordinari interpreti. Danzatori e tangueros argentini danno vita ad uno spettacolo raffinato e coinvolgente.




Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento