venerdì 11 agosto 2017

Aghi di pino: i servizi per un corretto conferimento

Bisognerebbe evitare di spazzare sul suolo pubblico i cumuli di aghi di pino o fogliame derivanti dal proprio giardino


Il Gruppo Hera desidera ricordare che, a seguito di temporali o giornate di forte vento, bisognerebbe evitare di accatastare sul suolo pubblico i cumuli di aghi di pino o fogliame derivanti dal proprio giardino, perché oltre a rendere poco decorosa la propria strada, potrebbero intasare le bocche di lupo stradali, con conseguenti rischi di allagamento in caso di pioggia.


I cittadini hanno a disposizione vari servizi per il corretto conferimento di questi materiali, quali ad esempio la raccolta domiciliare. 


Basta richiedere il ritiro al Servizio Clienti di Hera 800999500 e gli scarti vegetali, fino a cinque metri cubi (equivalenti al volume di tre cassonetti), potranno essere ritirati gratuitamente a domicilio. 

Gli scarti dovranno essere lasciati sfusi, sull’area privata del cliente, come un giardino recintato, e prelevabili mediante il braccio meccanico dell’autocaricatore, che stazionerà su suolo pubblico. 

Solo nel caso in cui la quantità di scarti sia superiore alle quantità previste dal servizio gratuito e il cliente voglia comunque provvedere al suo ritiro in un'unica soluzione, sarà richiesto un contributo per il trasporto.

Un’altra possibilità di conferimento è la consegna presso le Stazioni Ecologiche che ogni giorno sono a disposizione degli utenti, per il conferimento di diverse tipologie di rifiuto, fra cui anche gli scarti vegetali. Il rifiuto dovrà essere conferito preferibilmente sfuso.

Hera mette a disposizione dei clienti anche i cassonetti stradali per la raccolta della frazione vegetale. 

Si tratta di contenitori in alluminio con il coperchio marrone e l’adesivo “solo rifiuti vegetali”, nei quali è possibile introdurre i rifiuti vegetali sfusi e ridotti di volume, mentre non vanno introdotti rifiuti agricoli, anche se costituiti da ramaglie e potature, e altre tipologie di rifiuti.

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento