martedì 1 agosto 2017

La poesia del martedì

Presentazione

L’è bõna régla, e’ dìš e’ mi editór,
par publichê un libret, cvãnd ch’l’è finì,
cminzê cun do parôl sóra l’autór,
sinò l’è coma nud, l’è senza vstì.
L’è nenc cvistiõn d rispët par e’ letór,
che me, in mudãn, a-n crid d rësar gradì,
alóra a-v deg du cvel, mo senza erór,
scušì s l’è pôc, mo e’ rëst j è aféri mi.
A sò d Masira, me e la mi fameja,
a jò du fiul, la ca, ôrt e žarden,
e a jò ste vezi d scrivr’ in puiseja.
A sò un ižgnir, mo u-m piés d fê e’ cuntaden,
a Lug u j è al radiš dla mi gianeja,
che d sóranöm l’è deta Sabaden.
Franco d Sabaden
E’ buona regola, dice il mio editore,
per pubblicare un libretto, quando è finito,
cominciare con due parole sull’autore,
sennò è come nudo, è senza vestiti.
E’ anche questione di rispetto per il lettore,
che io, in mutande, non credo di essere gradito,
e allora vi dico due cose, ma senza errore,
scusate se è poco, ma il resto sono affari miei.
Sono di Masiera, io e la mia famiglia,
ho due figli, la casa, orto e giardino,
e ho questo vizio di scrivere in poesia.
Sono un ingegnere, ma mi piace fare il contadino,
a Lugo sono le radici della mia genia,
che di soprannome è detta Sabaden.

Franco Ponseggi
Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento