venerdì 8 settembre 2017

Ancora avanti, ma più piano

Riceviamo da Giuseppe Sangiorgi e pubblichiamo

Accelera la crescita economica e decelera quella delle imprese straniere, che toccano quota 46.529, con un aumento del 2,6 per cento in un anno (+1.199 unità), lievemente inferiore a quello nazionale.



La tendenza è più marcata in Lombardia (+3,7 per cento) e più debole in Veneto (+2,2 per cento). Si affievolisce l’aumento delle ditte individuali (+653 unità), mentre la normativa favorevole alle società a responsabilità limitata semplificata continua a fare volare le società di capitale (+14,5 per cento). 

Fanno da traino i servizi (+1.030 imprese), in particolare del commercio (+331) e dell’alloggio e ristorazione (+215), soprattutto gli altri servizi alla persona e riparazione (+9,3 per cento).

Decelera la crescita della base imprenditoriale estera regionale, con un ritmo analogo a quello nazionale. Al 30 giugno le imprese attive straniere salgono a quota 46.529 (l’11,5 per cento del totale) con un aumento in un anno di 1.199 unità, +2,6 per cento. A livello nazionale le imprese straniere registrano un analogo ritmo di crescita (+2,7 per cento), superano quota 521 mila e risultano il 10,1 per cento del totale, a fronte di una diminuzione più contenuta rispetto a quella regionale delle altre imprese (-0,4 per cento). 

Questo emerge dai dati del Registro delle imprese delle Camere di commercio elaborati da Unioncamere Emilia-Romagna. Le imprese straniere diminuiscono solo in Sicilia, Sardegna e Umbria. L’incremento è più rapido in Campania (+6,8 per cento). L’Emilia-Romagna è ottava per crescita, che risulta più rapida in Lombardia (+3,7, per cento) e leggermente più contenuta in Veneto (2,2 per cento). In Lombardia e Veneto, le imprese non straniere resistono meglio di quelle emiliano-romagnole agli strascichi della crisi.

Settori di attività economica. La tendenza alla crescita delle imprese straniere domina in tutti i macro settori di attività economica. Nei servizi (+1.030 imprese, +4,5 per cento), traina quella complessiva e origina soprattutto dall’aumento nel commercio (+331 unità, +2,9 per cento), servizi di alloggio e ristorazione (+215 unità, +5,2 per cento) e altri servizi (+153 unità, 9,3 per cento), ovvero servizi per la persona e di riparazione. L’andamento è rapido per le attività di noleggio agenzie viaggi e servizi di supporto alle imprese (+6,8 per cento) e le imprese di trasporto e magazzinaggio (+7,0 per cento). La crescita è contenuta per le imprese dell’industria e si conferma, minima anche per quelle delle costruzioni.

La forma giuridica La spinta alla crescita deriva innanzitutto dalle ditte individuali (+653 unità, +1,7 per cento), pari l’82,5 per cento delle imprese straniere, nonostante gli effetti della crisi passata ne limitino l’aumento. Quindi dall’aumento molto più rapido delle società di capitale (+530 unità, +14,5 per cento), sostenuto dall’attrattività della normativa delle società a responsabilità limitata semplificata. Questa ha contribuito però alla leggera riduzione delle società di persone (-0,6 per cento).

Le cooperative e i consorzi, invece, aumentano rapidamente (+5,1 per cento).

Ulteriori approfondimenti
Analisi
http://www.ucer.camcom.it/studi-ricerche/analisi/imprenditoria-estera/ 

Giuseppe Sangiorgi

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento