sabato 16 settembre 2017

Bene il blocco degli affitti nel Pavaglione

Riceviamo e pubblichiamo 


La notizia del blocco per un ulteriore anno degli aumenti dei canoni di affitto dei locali di proprietà comunale del Pavaglione e di via Garibaldi è stata accolta con soddisfazione dalle Associazioni di categoria del commercio e dell’artigianato, Confcommercio, Confesercenti, CNA, Confartigianato.


“Si tratta di un provvedimento che viene incontro alle esigenze degli imprenditori e alle richieste delle Associazioni, riconosciamo il merito alla Giunta Comunale e al Sindaco di Lugo Davide Ranalli, che da tempo perseguono una politica concreta di riqualificazione del Pavaglione, di essersi speso in prima persona e di avere dimostrato sensibilità alle argomentazioni che hanno portato a confermare questa decisione per un ulteriore anno”.

“Condividiamo anche la constatazione – proseguono poi le Associazioni del commercio e dell’artigianato – che quanto accaduto è il risultato di una concertazione che ha coinvolto una pluralità di soggetti: un metodo che porta buoni risultati, e che in tutte le occasioni va considerato lo strumento per ottenere i migliori effetti nell’interesse di tutti”.

“Raccogliamo quindi la disponibilità del Sindaco e dell’Amministrazione a seguire questo metodo per far si di arrivare prima della prossima scadenza ad una sostanziale ricalibratura degli importi dei contratti d’affitto, e non ad un eventuale ulteriore rinnovo del blocco. 


Una attenta analisi dei dati del mercato degli affitti immobiliari a Lugo in questi anni, infatti, dice che i canoni d’affitto dei locali commerciali sono diminuiti, anche in misura significativa. 

Stiamo continuando a raccogliere dati per portarli al confronto, nella certezza di trovare orecchie attente e nell’auspicio che la concertazione porti ancora ai risultati attesi. Ed è di buon auspicio che il Sindaco Ranalli già in due distinte occasioni pubbliche abbia riconosciuto la non adeguatezza dei canoni attuali, dichiarando di volersi impegnare per una loro sensibile diminuzione”.

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento