venerdì 8 settembre 2017

Ma che casino fanno i governatori sui vaccini

Sono orfano del referendum di Renzi

In alcune regioni i bimbi andranno a scuola vaccinati, in altre no, per volere del diversi governatori.

Ma in Italia non esiste forse un Ministero della Sanità con tecnici in grado di sapere cosa sia bene e cosa sia male per la nostra salute?

Il chi governa un paese non lo scelgono tutti i cittadini con il libero voto?

Fosse passato il referendum di Renzi questo paese arlecchino dove da una parte si fa in un modo e in un'altra si fa in un altro modo non ci sarebbe più. 

Si stabiliva quali fossero le materie in cui non ci sarebbe stato più contenzioso tra governo locale e governo nazionale, ponendo fine agli sprechi di denaro e di tempo per i relativi contenziosi.

Dove dobbiamo arrivare? Ad una famiglia che cambia residenza per andare dove gli asili non siano a rischio di contagio??

Arrigo Antonellini


Da Matteo Renzi

La scienza, non i partiti

Qualcuno sta continuando a giocare sporco su un tema, quello dei vaccini, che dovrebbe essere affidato alla scienza, non alle divisioni di partito. 


Lo sta facendo il presidente del Veneto Zaia con la Lega Nord: mi sembra assurdo che per distinguersi all'interno del centrodestra con Forza Italia, che giustamente si è smarcata, si giochi sulla pelle dei bimbi. 


Lo sta facendo il giudice Imposimato, uomo che il Blog Cinque Stelle proponeva come Presidente della Repubblica, che ha scritto parole sui vaccini talmente squallide da non poter essere nemmeno riferite.


Come segretario del PD, ma soprattutto come padre, rilancio il nostro appello: basta con la demagogia e le strumentalizzazioni. 


La vita dei nostri figli vale più di qualsiasi campagna elettorale. La medicina e la scienza vengono prima delle paranoie di aspiranti leader in cerca di visibilità.  


Matteo

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento