martedì 5 settembre 2017

Stem a Lugo

Un interessante progetto didattico alla scuola Baracca
di Lucia Baldini



Un'iscrizione su 4 a una facoltà scientifica è femminile, un numero esiguo se si pensa a quanto la mente di una donna può dare alla scienza, alla tecnica, alla ricerca, alla matematica.





Due nomi fra tanti, Samantha Cristoforetti e Fabiola Gianotti, e chissà che a loro non si aggiungano fra una decina d'anni altri che circolano ora sul nostro territorio e occupano i banchi delle nostre scuole. 

Per loro sta per concludersi, probabilmente per dare nuovi e interessanti sviluppi nel futuro, l'avventura delle Stem, Science, Tecnology, Engineering and Mathematics, un progetto finanziato dal Ministero delle Pari Opportunità realizzato alla scuola media Baracca, unico Istituto Comprensivo della provincia ad offrire questa opportunità di formazione prima dell'inizio dell'anno scolastico.

Si tratta di un mondo che di solito, ha dichiarato il sindaco di Lugo, vede una presenza femminile numericamente inferiore rispetto a quella maschile. 

Le telecamere di Rai tre sono venute nella nostra scuola nella mattinata di giovedì 31 agosto, 4 giorni dopo l'inizio dell'attività e il giornalista Mattia Martini ha realizzato un servizio andato in onda la stessa giornata alle 14 e alle 19.30. 

La dirigente scolastica, prof. Daniela Geminiani, ha precisato che l'obiettivo è quello di ridurre il gap di conoscenze fra studentesse e studenti, con modalità innovative e supportate tecnologicamente.

Il progetto, dal nome accattivante, Immersi in un mare di aria.., come volare, ha visto coinvolte alcune insegnanti dell'Istituto, Giovanna Foschini, Lucrezia D'Ambrosio, Serena Schinaia, Laura Manaresi, un docente dell'Iti, il prof. Bruno Cominato,e inoltre alcuni rappresentanti di associazioni esterne, il prof. Enzo Cortesi di FabLab Bassa Romagna, il prof. Stefano Alberghi della Palestra della Scienza, alcuni componenti di Italdron, dell' associazione culturale Leo Scienza, dell'associazione Fatabutega, del Ceas, del Centro Gioco Creatività la Lucertola. 

A tutti un sentito ringraziamento da parte delle famiglie, che hanno apprezzato questa volontà di suscitare nelle giovani generazioni il piacere dell'apprendimento scientifico.

Lucia Baldini

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento