mercoledì 27 settembre 2017

Un nuovo ecografo donato dall'Associazione Pro-chirurgia

All'Ospedale di Lugo


Presso il Servizio di endocrinologia dell’ospedale di Lugo si è svolta la consegna del nuovo ecografo che l’associazione lughese Pro-chirurgia ha acquistato prima dell’estate.
Per l’occasione erano presenti il sindaco di Lugo Davide Ranalli, i medici del servizio, la direzione sanitaria e i rappresentanti della Bcc e degli altri enti che hanno contribuito tramite le loro sovvenzioni all’acquisto della macchina.

“Ringrazio questa associazione che si adopera con tanto impegno nei confronti del nostro ospedale, perché ricordiamoci che l’ospedale di Lugo è di tutta la comunità - ha dichiarato il sindaco Davide Ranalli -. La tecnologia non può nulla senza il lavoro e l'unità del personale medico e le donazioni testimoniano anche la capacità di un reparto di interagire con tutti gli ambiti del presidio ospedaliero e con l’esterno. L’associazione Pro chirurgia ha saputo coordinare le forze dei privati e del pubblico per implementare un servizio che è patrimonio di tutti”.

Si tratta di un ecografo di ultima generazione che consente di eseguire l’elastosonografia, una nuova tecnica ecografica in grado di fornire informazioni sulla consistenza di un tessuto o di un nodulo in tempo reale. “È considerata una sorta di palpazione elettronica”, come ha spiegato Sara Versari, dell’équipe medica dell’unità operativa di endocrinologia dell’ospedale di Lugo.

La macchina è costata circa 26mila euro. “Questo ecografo ci consente senza dubbio di compiere un miglioramento del nostro servizio”, ha sottolineato Marisa Bagnoli, direttrice sanitaria dell’ospedale di Lugo.

“È il 18esimo intervento a favore dell’ospedale di Lugo fatto dall’associazione Pro chirurgia - ha sottolineato Gabriele Sangiorgi, presidente dell’associazione. Le Amministrazioni di Lugo e della Bassa Romagna hanno sempre dimostrato attenzione e disponibilità nei nostri confronti. In questo caso la donazione è stata possibile anche grazie a un importante intervento da parte della Bcc - Banca di credito cooperativo ravennate, forlivese e imolese”.

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento