lunedì 30 ottobre 2017

Alfonsine: l'accentramento delle vaccinazioni a Lugo

Duro scontro M5S-Pd in Consiglio Comunale


Duro scontro durante l'ultima seduta del Consiglio Comunale della Città delle Alfonsine sull'Ordine del Giorno presentato dal Movimento 5 Stelle relativo alla riorganizzazione del servizio vaccinazioni della Pediatria di Comunità - AUSL - Centro Socio Sanitario - Alfonsine (ex ospedale).
La questione messa sul tavolo – spiega il Capogruppo Gemignani – verte sul tema dei servizi territoriali della Bassa Romagna, che vede avanzare una continua e preoccupante riorganizzazione dell'Ausl Unica della Romagna palesemente sbilanciata su una sanità di distretto rispetto ai servizi di comunità. 

In particolare l'accento è stato posto sull'accentramento a Lugo delle attività vaccinali dei residenti del comune di Alfonsine dal 02/01/2017, a seguito della cessazione della pediatra al 31/12/2016 senza che i cittadini ne siano stati adeguatamente informati e senza che si siano valutate alternative possibili.

Il nostro documento – continua il pentastellato Gemignani – chiedeva al consiglio comunale di portare i vertici e Direttori della AUSL Unica della Romagna, (anche alla luce del nuovo Decreto Vaccini Lorenzin convertito in Legge a luglio 2017), a rivedere il piano, considerate le mutate condizioni e scenari del processo di riorganizzazione datato 2014.

Una ulteriore verifica sui pediatri di libera scelta operanti sul nostro territorio, in merito alla disponibilità ad operare sul servizio vaccinazioni in convenzione con il SSN. 

E nel caso che la ricognizione portasse a risultati positivi di valutare la possibilità concreta per un ritorno ad un servizio vaccinazioni di comunità.

Purtroppo, da parte del Partito Democratico c'e' stata una totale ed irragionevole chiusura fino dalle prime battute, liquidando in 30 secondi il nostro documento con una fredda ed immediata dichiarazione di voto contrario, motivata dal fatto che "secondo loro", al Presidio di Lugo va tutto bene, ci sono le migliori attrezzature, ci sono i migliori medici e
quindi la discussione consiliare andava subito chiusa. 

A questo punto c'e' stato un botta e risposta tra le parti durato quasi un'ora e che ha portato a molti interventi dall'una e dall'altra parte tra i nostri appelli e richiami al senso di responsabilità politico, accuse incrociate, veti e ricatti da parte dei Democratici che si sono conclusi con la bocciatura del nostro Ordine del Giorno da parte di tutti i consiglieri PD presenti, tra l'uscita dall'aula delle altre forze di minoranza e l'unico voto favorevole del Movimento 5 Stelle in uno scenario surreale da tutti contro uno.

Noi riteniamo – conclude Gemignani - che le famiglie nelle loro scelte debbano essere accompagnate dai propri pediatri e dai propri medici con un potenziamento dei servizi a tutti i livelli ivi comprese le Pediatrie di Comunità territoriali che fidelizzano questo rapporto fiduciario. 

E' scontato, che questa nuova campagna di vaccinazioni, coincidente con la cancellazione dei servizi dai comuni minori, creerà notevoli disagi e molteplici spostamenti per le famiglie alfonsinesi e per tutto il comprensorio della Bassa Romagna, un turismo sanitario pendolare di cui solo noi cittadini dovremo farci carico.

Se oggi, la sanità ci tratta come utilizzatori e non come persone da prendersi cura, la colpa è dei politici che hanno amministrato per anni questi territori con scelte politiche di partito che hanno avuto al centro solo dei report, grafici e freddi numeri, da conto economico.

Politici completamente distaccati dalla vita reale e dai problemi che si affrontano ogni giorno con grande fatica e con grande dignità nonostante tutto.

Stefano Gemignani
Capogruppo M5S Alfonsine

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento