lunedì 23 ottobre 2017

Cancellato, battuto, lo Stato islamico

Ha vinto un'alleanza



Le Forze Democratiche Siriane (SDF), coalizione di arabi e curdi appoggiata dagli Stati Uniti, hanno riconquistato Raqqa, la città siriana che per diversi anni è stata considerata la capitale dello Stato Islamico (o ISIS) in Siria. È stata una vittoria importante, arrivata alla fine di una battaglia durata quattro mesi.

Certo non risolutiva nella guerra contro lo Stato Islamico e nemmeno decisiva nel riportare la pace in Siria, ma il sogno, l'obiettivo dichiarato di dar vita ad un nuovo Stato Islamico, violento, folle, è caduto.


Ha vinto invece una coalizione, un'"alleanza" interreligiosa, anche interculturale

Inevitabile per chi ha avuto la fortuna di ascoltare il teologo professor Brunetto Salvarani portato a Lugo dalle ACLI, ripensare al tema del dialogo, del confronto interreligioso su cui lui ci ha illuminati.

Quell'interculturalità ormai cancellata dal pensiero di noi vecchi europei, sempre più desiderosi del chiuderci in casa nel nostro crescente individualismo.

"Colpa", perchè è razionale capire che di colpa si tratti,  della politica, dei media, della stessa "nostra"religione.

Una religione cattolica che per duemila anni non ha voluto "leggere", capire il Vangelo, perchè fatta di uomini per i quali il Vangelo è troppo "controcorrente", che solo pochi santi sono riusciti a tradurre, prima di tutti due Francesco, il Santo d'Assisi, il Francesco oggi Papa.

A me, per citare un aneddoto, che sono vecchio, perchè italiano, perchè europeo, me lo disse trent'anni fa una signora di Sao Bernardo del Brasile, aveva 82 anni.

"Sono un grande ottimista", si è dichiarato il Telologo Salvarani, "la Speranza è per me la prima delle virtù, più della stessa Carità".

Di segnali, esperienze positive, ce ne sono tante nelle comunità locali dove si vive fianco a fianco: le religioni hanno tutte la stessa dignità, tutti figli di Dio, il dialogo interculturale e interreligioso, volenti o nolenti, è nelle cose, "ci verrà imposto". 

Il primo passo per un Vangelo applicato è capire, prendere atto del "come siamo messi", poi verrà il resto, duemila anni sono una briciola nella storia dell'uomo....



Arrigo Antonellini   

Come non condividere la delusione espressa da Giuseppe Xella per l'assenza di tanti cattolici impegnati a fare rete... 

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento