sabato 28 ottobre 2017

Chiusa, di fatto, la biglietteria della stazione di Lugo

I Verdi: le ferrovie chiudono le biglietterie e pensano a costosi e inutili sottopassi

"Vergogna per le Ferrovie”, affermano i Verdi di Lugo, "pensano a costruire inutili e dannosi sottopassi e non hanno i soldi per tenere aperta l'unica biglietteria della Romagna Estense" che, secondo il progetto, rimarrebbe aperta soltanto il lunedì mattina.
Se si vuole, ma così non è se non nei discorsi della domenica, incentivare il trasporto ferroviario occorre rendere efficienti tutti i passaggi per i viaggiatori. 

Già i treni sulla linea Ravenna-Bologna sono ancora obsoleti, affollati e con gli impianti di riscaldamento e raffrescamento che non funzionano mai regolarmente. 

Servirebbero treni moderni, efficienti e comodi. 

La biglietteria poi serve tutta la zona della Romagna Estense.

Aperta dal lunedì al venerdì mattina, aiuta chi deve organizzarsi per viaggi in treno e che non può o non vuole usare Internet e sono più di quelli che si pensa.

Automatizzare tutto per risparmiare sul personale non si rivela sempre una scelta di efficienza, vedi scambi ferroviari regolarmente bloccati dopo misere nevicate o piccole gelate.

In questo caso il rapporto con il cosiddetto "cliente" delle ferrovie si riduce a imprecazioni contro macchine spesso rotte o incapaci di erogare il resto.

La Regione Emilia-Romagna, che con un contratto di servizio stanzia alle ferrovie notevoli fondi, deve impedire questa chiusura.

L'interpellanza dei due Consiglieri Regionali del PD, una dei quali di Faenza, dove la biglietteria è' aperta anche di domenica, risulta a questo proposito assai timida ed elusiva.

Chi governa la Regione, se vuole, può impedire questa chiusura di fatto. 

O anche qui ripeteremo la farsa dell'ospedale? A Faenza e a Imola riguardi, a Lugo si toglie tutto!

Verdi Lugo

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento