lunedì 9 ottobre 2017

Denunciato “portoghese” beccato senza biglietto

Archivi informatici e fotosegnalamento dattiloscopico

La Polizia di Stato ha identificato ed indagato in stato di libertà S.R., albanese di 19 anni residente a Russi, quale responsabile del reato di falsa dichiarazione a pubblico ufficiale sull’identità personale.


La Polizia Ferroviaria presso la stazione di faenza ha ricevuto una richiesta di intervento da parte di un capotreno che aveva individuato a bordo di un treno diretto a Ravenna un giovane cittadino straniero sprovvisto di regolare biglietto e di documenti validi alla sua identificazione.

Il ragazzo, messo di fronte alle proprie responsabilità e nel vano tentativo di sottrarvisi, forniva ai poliziotti della Polfer faentina intervenuti sul treno le generalità di un cittadino albanese, Z.E. di 20 anni residente a Russi.

Gli immediati accertamenti effettuati dagli agenti, attraverso gli archivi informatici delle Forze di Polizia e quelli dell’anagrafe del Comune di Russi, consentivano di accertare che sia le generalità fornite che l’indirizzo di residenza indicato risultavano inesistenti.

Il ragazzo è stato pertanto condotto negli uffici del Commissariato di Faenza dove, grazie al fotosegnalamento dattiloscopico, venivano individuate le sue esatte generalità per S.R. di anni 19 nato in Albania che è stato quindi denunciato per false attestazioni a P.U. sulla propria identità personale.


Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento