giovedì 2 novembre 2017

12 nuove telecamere

Dieci, cento, mille....


A Conselice è stato ultimato il lavoro di installazione di 12 nuove telecamere digitali ad alta definizione e di ultima generazione.




Le nuove telecamere, alcune dotate anche di visione notturna, sono tutte collegate in tempo reale con il sistema centralizzato dell'Unione dei Comuni della Bassa Romagna, accessibile da Polizia municipale, Carabinieri e Polizia di Stato.

Le telecamere hanno l'obiettivo di sorvegliare tutti gli immobili scolastici del capoluogo, i giardini pubblici, alcuni luoghi del centro storico (piazza Foresti, via Buscaroli e via Guareschi) e l'ingresso dell'area artigianale di via della Cooperazione. 


Le loro potenzialità sono state illustrate dal responsabile del Servizio Informatica dell’Ucbr Marco Mondini al sindaco Paola Pula e al luogotenente Massimiliano Campagnoli, comandante della stazione dei Carabinieri di Conselice, nel corso di un sopraluogo.

L'investimento complessivo è stato di 71.588 euro.

“Dopo Conselice - afferma il Sindaco Paola Pula - restano da infrastrutturare con impianti di videosorveglianza i centri di Lavezzola e San Patrizio; per Lavezzola è già stata redatta la progettazione e l'esecuzione verrà attivata quanto prima, mentre stiamo ancora perfezionando il progetto su San Patrizio”.


Forse non c'è modo migliore di spendere i nostri denari, il nostro bilancio dei nostri Comuni.

Sono sempre di più i casi di delinquenza risolti, nelle indagini, grazie al "Grande Fratello".

Ci piace essere sorvegliati così, non piace solo a chi abbia cattive intenzioni, si faccia sapere che possono essere visti, mettiamole ovunque.

Sei mila euro per ciò che concretamente ci offre sicurezza, se non altro di colpire i colpevoli, per far sapere che verranno visti ed arrestati.

Ci sta un progetto dove non solo chi le mette a spese proprie, ci venga chiesto di andare in tasca e dare un contributo, ci sta che i Comuni diano un contributo a chi le installa.


Arrigo Antonellini

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento