venerdì 3 novembre 2017

Bagnacavallo in Giappone

Riceviamo e pubblichiamo


Piazza Nuova ha ospitato nei giorni scorsi una nuova tappa del percorso di valorizzazione e promozione di Bagnacavallo, del suo territorio e dei suoi prodotti tipici in Giappone. 


Il sindaco Eleonora Proni ha infatti incontrato Toshiyuki Takanami, titolare della catena giapponese di ristoranti italiani Quals a Jōetsu, che assieme all'enologo del Consorzio Il Bagnacavallo Sergio Ragazzini ha presentato il progetto di un'edizione speciale dei vini Bursôn e Rambëla, prodotti dall'azienda agricola Randi.

L’edizione speciale sarà dedicata all'evento di solidarietà Romagna-Giappone, ideato sempre da Takanami a favore del Comune di San Severino Marche, colpito dal terremoto del 2016. L'evento, svoltosi a maggio di quest'anno in Piazza Nuova, ha visto cuochi italiani e giapponesi sfidarsi in una cena durante la quale sono stati raccolti e donati al comune marchigiano oltre 5.000 euro.

L'edizione speciale di Bursôn e Rambëla sarà commercializzata esclusivamente in Giappone, dove a partire dall'etichetta continuerà a promuovere l'immagine di Bagnacavallo e della caratteristica Piazza Nuova. Toshiyuki Takanami è molto legato a Bagnacavallo e al suo edificio simbolo, tanto da aver realizzato in Giappone Piazza Nuova Shimo Monzen.

Toshiyuki Takanami era accompagnato dal suo staff, da Tomoko Koseki, referente della catena di ristoranti Quals per l'Italia e da alcuni giornalisti e fotografi. Durante la loro permanenza in Italia i componenti la delegazione giapponese sono stati condotti dall'enologo Sergio Ragazzini in una visita alla vigna di Bursôn da loro “adottata”, per assistere alle varie fasi di lavorazione del vino autoctono di Bagnacavallo.

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento