lunedì 6 novembre 2017

Celebrata anche a Bagnacavallo la Festa dell’Unità Nazionale

"Ricordare lo sforzo straordinario per ricongiungere l’Italia in ogni sua parte"


Dopo la Messa presso il Sacrario dei Caduti in suffragio dei Caduti e dei bagnacavallesi dichiarati dispersi in tutte le guerre, si è formato il corteo diretto in piazza della Libertà, dove presso il monumento ai Caduti è stata deposta una corona.




«Quella che celebriamo oggi non è una ricorrenza minore – ha sottolineato il sindaco di Bagnacavallo Eleonora Proni nel suo saluto – ma un’occasione importante sia per il suo valore simbolico sia per il monito che rappresenta per noi, oggi. Siamo chiamati a ricordare lo sforzo straordinario ed eroico che fecero le forze armate per ricongiungere l’Italia in ogni sua parte e a ringraziarle per il ruolo che svolgono ora nelle missioni di pace e per difendere i più deboli in una strategia di sicurezza fattasi sempre più aperta alle esigenze di un mondo investito da profondi mutamenti.

È in giornate come questa – ha concluso il sindaco – che dobbiamo ricordarci quanto sia fondamentale fare crescere lo spazio della democrazia, del dialogo, dell’accoglienza e della solidarietà, perché è l’unico modo che a noi è dato per affermare i valori della pace e combattere la disumanità della guerra.»

La Festa dell’Unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate è stata inoltre l'occasione per inaugurare la rampa di accesso per persone disabili realizzata presso il Sacrario dei Caduti con il contributo della cittadinanza bagnacavallese e delle associazioni Famiglie Caduti e Dispersi in Guerra e Combattenti e Reduci.

L’iniziativa è stata organizzata dal Comune in collaborazione con: le associazioni nazionali Combattenti e Reduci, Famiglie Caduti e Dispersi in Guerra, Mutilati e Invalidi di Guerra, Partigiani d’Italia, Alpini; Unione Nazionale Ufficiali in Congedo d'Italia e Croce Rossa Italiana.

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento