giovedì 23 novembre 2017

Chiede il rinnovo del permesso di soggiorno, Arrestato

Riceviamo e pubblichiamo

La Polizia di Stato comunica di avere proceduto all’arresto di B.H.J., cittadino tunisino di 35 anni.
Al Commissariato di Lugo, al front office dedicato alla ricezione di pratiche relative alla regolarizzazione dell’Immigrazione, si è presentato, fra gli altri, B.H.J., cittadino tunisino di 35 anni, domiciliato nel lughese che ha consegnato agli addetti la documentazione necessaria al rinnovo del suo permesso di soggiorno.

Il controllo della pratica presentata, che viene eseguito in tempo reale all’atto della consegna della documentazione agli sportelli dedicati all’Immigrazione presenti in tutti gli uffici della Polizia di Stato del territorio nazionale, ha permesso al personale del Commissariato di accertare che nei confronti di B.H.J. pendeva un Ordine di Carcerazione perché era ricercato per un vecchio debito con la giustizia.

Lo straniero, infatti, nel 2008 prese parte ad una violenta lite in seguito alla quale venne denunciato a piede libero, in concorso con altri, per rissa e porto abusivo di armi ed oggetti atti ad offendere.

Per tale episodio il Tribunale di Ravenna, nel gennaio del 2009, lo aveva condannato alla pena di un anno, un mese e tredici giorni di reclusione, sentenza che venne parzialmente riformata dalla Corte d’Appello di Bologna ad agosto dello stesso e diventata esecutiva nel maggio del 2010.

Detratti dalla sentenza definitiva i giorni di detenzione già scontati, e considerato che l’Ufficio di Sorveglianza di Bologna aveva rifiutato al condannato la concessione degli arresti domiciliari e l’affidamento in prova al Servizio Sociale, l’Ufficio Esecuzioni Penali della Corte d’Appello di Bologna aveva emesso nei suoi confronti l’Ordine di Carcerazione dovendo ancora scontare la pena residua di tre mesi e 27 giorni di reclusione che B.H.J. sconterà ora alla Casa Circondariale di Ravenna dove è stato condotto ieri pomeriggio dagli investigatori del Commissariato di via Emaldi.

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento