martedì 7 novembre 2017

Gessi e solfi della Romagna orientale

Al Museo Civico delle Cappuccine di Bagnacavallo 


Oggi, martedì 7 novembre alle 21 è in programma presso la sala didattica del Museo Civico delle Cappuccine di Bagnacavallo una nuova conferenza a cura della Società per gli Studi Naturalistici della Romagna.


Si presenterà il volume Gessi e solfi della Romagna orientale, a cura di Mara Luisa Garberi, Giovanni Belvederi e Piero Lucci della Federazione Speleologica Regionale dell'Emilia-Romagna.

Il volume rappresenta l'esito finale del progetto di ricerca omonimo avviato dalla Federazione Speleologica Regionale nel 2014. Le ricerche hanno interessato gli affioramenti della formazione gessoso-solfifera posti tra le vallate del Rabbi e del Conca, fra le province di Forlì-Cesena, Rimini e Pesaro-Urbino e la Repubblica di San Marino.

Sono stati studiati i gessi messiniani (primari, risedimentati, alabastrini) e lo zolfo, sulla base di un approccio trasversale alla geologia, alla speleologia, all'indagine naturalistica, a studi storico-geografici e culturali. «Si tratta infatti di un territorio in cui natura e cultura si intrecciano, contraddistinto da emergenze di valore assoluto specie in riferimento alle cavità artificiali – si legge nell'introduzione al volume. – Si pensi alla miniera di zolfo di Perticara (Novafeltria), chiusa nel 1964, all'epoca il massimo sito estrattivo solfifero d'Europa. Proprio nella riesplorazione, a distanza di oltre cinquant'anni dalle dismissioni, delle locali “solfatare” va forse individuata l'attività maggiormente innovativa e tecnicamente complicata del progetto, portata avanti in ambienti ipogei estremi a carenza di ossigeno.»

L'appuntamento fa parte del ciclo di incontri pubblici promossi nell'ambito delle attività dell'associazione per la diffusione della cultura naturalistica.

La sala didattica del Museo Civico delle Cappuccine è in via Vittorio Veneto 1/a a Bagnacavallo.

L'iniziativa ha il patrocinio del Comune.

Informazioni:   www.ssnr.it       info@ssnr.it

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento