mercoledì 8 novembre 2017

Ha vinto la matematica

Renzi risponde: Il futuro Premier lo sceglierà il nuovo Parlamento

Ma è vero che in Sicilia hanno vinto i Cinque Stelle?


Ovviamente no. I Cinque Stelle hanno perso in Sicilia. Ma tutti i commenti che leggete sui giornali e vedete in tv sono commenti già preparati da tempo che non fanno i conti con i numeri reali. Cerchiamo di capirci:
M5S aveva preso alle Politiche del 2013 in Sicilia il 33% e a livello nazionale il 25%. La Sicilia era stata dunque la loro Toscana, il loro bacino di voti più forte. Erano andati meglio che altrove. Oggi hanno preso il 26% in Sicilia, dopo che tutti i sondaggi li davano ampiamente sopra il 30% (sono sempre sovrastimati nei sondaggi, fateci caso). Il voto alla lista, al simbolo passa dal 33 al 26%: dunque hanno perso sette punti percentuali su base regionale, chissà a quanto sono davvero su base nazionale. 

Se a questo si aggiunge che Di Maio e Di Battista hanno passato quattro mesi in Sicilia, Grillo ha detto che era l'ultima spiaggia, hanno speso centinaia di migliaia di euro in questa campagna ci rendiamo conto che i Cinque Stelle hanno perso. Eppure in TV raccontano di aver vinto e nessuno che gli faccia una domanda su questo. Ecco perché scappano dal confronto. Perché che hanno perso loro lo sanno benissimo.

Non dirai mica che ha vinto il PD?

Mica sono pazzo, ovviamente no. Il PD ha perso pur avendo mantenuto gli stessi voti delle Regionali del 2012 (che avevamo vinto grazie alle divisioni della destra e al 10% dell'UDC, ripeto 10% UDC). Gli stessi. E rispetto alle politiche la coalizione di Bersani nel 2013 prese 21,4%, quella di Micari il 25,2%. Dunque noi, pur avendo perso, siamo cresciuti rispetto al 2013. Ma ovviamente non lo leggerete da nessuna parte. 

E allora chi ha vinto?

Ha vinto la destra. Come accade sempre, da decenni, in Sicilia. E come molti immaginavano da mesi. Ha vinto Musumeci che per questa campagna elettorale ha fatto pace col suo avversario storico, Miccichè. La volta scorsa i due stavano in liste contrapposte e hanno fatto il 44%. Oggi stavano insieme e hanno fatto il 40%. Hanno vinto loro, tanto di cappello. Punto. Buon lavoro al nuovo Presidente Nello Musumeci. Non condivido una virgola della sua storia e del suo curriculum. Ma ha vinto, ha vinto nettamente e gli faccio i migliori auguri perché riesca a governare bene la Sicilia. Dirò di più: spero che ci riesca perché prima vengono i cittadini, poi gli schieramenti. Ne dubito, per la compagnia di giro che ha, ma glielo auguro. E lo auguro ai siciliani.

Farete una coalizione?

Già oggi siamo in coalizione. E siamo pronti ad allargare ancora al centro e alla nostra sinistra. Le cose che abbiamo fatto al Governo in questi anni hanno fatto uscire l'Italia dalla crisi, sia nel settore economico che in quello dei diritti. Se qualcuno ha idee migliori, le ascoltiamo volentieri. Non abbiamo veti verso nessuno, noi. Quello che ci preme è far sì che il PD stia in mezzo alla gente, non blindato nelle chiacchiere di palazzo.


matteo@matteorenzi.it


Quindi come oggettivamente dice Renzi non hanno vinto i grillini; non ha vinto FI che ha preso meno voti di 5 anni fa; non ha vinto, per fortuna, Salvini che doveva spaccare il mondo con il suo no agli immigrati proprio in Sicilia; non ha certo vinto il PD; nè la sua sinistra con il suo piccolo 5 per cento, da partitino.

Non ha vinto nessun partito, ha vinto un'idea, un modo di fare, il proporsi agli elettori UNITI, il fare insieme, dicesi che l'unione fa la forza.

Ha vinto la più oggetiva delle scienze, la matematica, ha vinto un'addizione; per la sinistra la politica è una cosa complessa, estremamente articolata; la destra si limita a saper fare i conti.

Sappiamo già adesso chi vincerà le politiche, non Grillo interdetto alle alleanze, non la sinistra se si presenterà divisa, vincerà chi ha vinto in Sicilia, non è la prima volta che è laboratorio nazionale il più profondo del nostro sud.

Giusto ciò che dice Renzi, con la nuova legge sceglieremo i parlamentari, con le Primarie noi del Pd, poi loro, delegati da noi, concorderanno il programma di governo in base a quelli presentati agli elettori e sceglieranno il più "adatto" ad attuarlo.

Venerdì prossimo 10 novembre Renzi sarà a Castel Bolognese e a Massa Lombarda

Arrigo Antonellini

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento