giovedì 16 novembre 2017

Il pianto dei bambini

Non possiamo pubblicare foto di bambini
850mila euro


Quante cose fareste con 850mila euro? Li avrete incassati dopo 40 anni di lavoro?

Ventura non si è dimesso, è stato "solo" licenziato, li ha voluti  tutti da noi gli 850.000:   il calcio è nostro, è mio, lo pago con il biglietto dello stadio, con l'abbonamento alla Rai, la pubblicità che mi danno prima, a metà e dopo le partite, con l'abbonamento a Sky.

Non ha la dignità di dimettersi dopo aver fatto  piangere i  nostri bambini, non ci può essere colpa più grave, dare dolore a un minorenne è un reato. 

Mancava qualcosa tra le ragioni, anzi anche una sola quella che la colpa è sempre del capo, per cui Tavecchio se ne debba andare?

Ora c'è anche questa, ha scelto lui un allenatore, non solo tecnicamente modesto (fu esonerato in serie C, nemmeno leggere il curriculum come fa invece un'azienda prima di assumere un dipendente a mille euro al mese), senza personalità (i giocatori si riunivano con lui fuori dalla porta, lunedì sera non aveva la più pallida idea di chi far entrare), ma anche un uomo "scorretto", che non ha la dignità di non farsi pagare mentre non lavora.

La responsabilità dei denari sperperati a continuare a pagargli lo stipendio è di chi l'ha scelto.

Ma mi interessa sempre il cosa fare in concreto, non sparare solo parole che passano.

Cosa possiamo fare noi, cosa posso fare io?

Non vanno via tutti? Allora vado via anch'io, mi guado il tennis, vado a vedere gli internazionali di Roma....

Il Resto del Carlino ieri dedicava la prima pagina a tanti atleti e atlete azzurri che primeggiano nel mondo, anche se farebbe bene non lo facesse solo in occasioni come queste ma tutto l'anno.  

Dopo il disastro di Belfast del 1958 la nazionale tornò in Italia nel disinteresse degli italiani, il Paese stava crescendo e lo fece anche senza il calcio; anche ora stiamo crescendo, possiamo farlo anche con tanto meno calcio. 

Arrigo Antonellini 

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento