lunedì 6 novembre 2017

Il solito storico suicidio della sinistra

Drammatica la bassa percentuale dei votanti   

Molto oltre la metà dei siciliani non hanno votato, 2milioni e 500mila siciliani hanno mandato un vaffa alla politica, compreso a Grillo, ma ancora una volta ora i partiti, che sono appunto nel loro complesso tutti perdenti, litigano sulle percentuali.  


Per il nuovo presidente della Sicilia non avranno votato 4 dei cinque milioni di siciliani. 


Quello dei votanti è al momento l'unico dato certo, per ora si commentano solo gli exit poll.

Exit poll che dicono che starebbe vincendo un oltre ottantenne, che non viene pensionato mentre invece si litiga in Italia per non obbligare gli italiani ad andare in pensione solo a 67, ma cinque mesi prima.

Che direbbero dello storico masochismo della sinistra a suicidarsi.

Ci si impegna in politica per fare un servizio al prossimo governando, non per fare testimonianza, non per avere personale visibilità, non per non dover lavorare facendo un altro mestiere ma vivendo dei benefici degli amministratori anche di minoranza.

Le alleanze in politica si fanno sui programmi, come si fa a ribadire che i programmi di Renzi sono troppo diversi rispetto ai nostri della sua sinistra? 

I vostri programmi di voi della sinistra sono forse più simili a quelli di Salvini o di Di Maio che non a quelli di Renzi? Siete usciti dal PD solo per fare testimonianza? O siete usciti per fare un dispetto a Renzi, perchè vi siete offesi quando diceva che bisognava rottamarvi e per fargliela pagare?

Prendiamone atto, noi che vogliamo servire il prossimo governando con politiche di sinistra, in primo luogo gestendo il fenomeno storico delle immigrazioni con l'accoglienza, con uno stretto legame all'Europa che vorremmo sempre più unita per un ruolo ancora di primo piano insieme agli Stati Uniti (uniti loro) e alla Cina.

Faccia un passo indietro, Renzi, faccia il segretario del PD come le Primarie hanno stabilito, concordiamo un programma unitario della sinistra e facciamo scegliere il candidato ai suoi potenziali elettori con le Primarie. 

Se Salvini e l'ottantenne riescono a fare un programma insieme pur di avere il potere, quanto è più facile farlo noi della sinistra.

Intanto Di Maio ha annullato l'incontro con Renzi dicendo che le prospettive sono cambiate!? Ha annullato i voti di milioni di italiani che hanno scelto Renzi capo del Pd? Potenza della democrazia....

Difficile dire che non era vero che "dopo aver iniziato a governare la Sicilia andremo a governare l'Italia"? Probabilmente sarà invece un ex missino a farlo. Per vedere se non sarà così anche per l'Italia è ancora presto. 

Se torna Berlusconi, ed è nei fatti, perchè non deve tornare il sogno di Prodi, cattolico, e di Veltroni, comunista, che fecero sognare 14 milioni di italiani? 

Arrigo Antonellini

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento