giovedì 2 novembre 2017

La Provincia delle rotonde ....e degli autovelox

Riceviamo da Gianfranco Spadoni e pubblichiamo

La prima voce della seconda variazione di bilancio della Provincia in cui è inserito anche il Piano pluriennale degli investimenti contiene una previsione di spesa pari a 100.000,00 euro per l’installazione di nuovi autovelox.



Ma a parte questa scelta, per molti aspetti giustificata solo se accompagnata da azioni di prevenzione e di controllo da parte degli organi preposti alla vigilanza, il piano programma degli investimenti è assorbito in larga misura dalle rotonde stradali inserite nel previsionale 2017. 

Nello specifico si tratta della rotatoria sulla provinciale 15 Raspona in corrispondenza dell’intersezione con la reale e via Mazzini a Alfonsine (spesa prevista 180 mila euro), quella di Massa Lombarda nell’incontro fra la San Vitale, via Vittorio Veneto e via Resistenza (250 mila euro); la rotatoria fra la provinciale 95 e la Pilastrino S. Francesco a Cotignola (200 mila euro). E nel comune di S. Agata sul Santerno analogo intervento in corrispondenza dell’ intersezione fra la San Vitale e la provinciale Bastia, mentre nel comune di Russi la nuova rotonda fra la San Vitale e la comunale Sentierone (200 mila euro) migliorerà la situazione viaria; inoltre per Cervia ne sarà realizzata una nella confluenza fra la statale Adriatica e la comunale Martiri Fantini per 910.500,00 euro da trasferimenti regionali. 

Queste le sei rotatorie contenute nel programma 2017, invece per l’anno successivo ne sono previste altre tre. 

Vale a dire una a Cotignola in corrispondenza delle strade provinciali Felisio e Madonna di Genova (250 mila euro), una seconda a Russi fra la San Vitale e la comunale Maestri del lavoro e, infine, nel comune di S.Agata sul Santerno un’ennesima rotatoria nell’incrocio fra la San vitale e la provinciale Bastia (150 mila euro).

In buona sostanza una decina di rotatorie che modificano le mappe dei territori con l’obiettivo di rendere gli attraversamenti più sicuri e il traffico più fluido.

Insomma fra i primati della nostra Provincia si può inserire anche quello delle rotatorie che, alla luce dei fatti, in molti casi sono efficaci, ma contabilmente non producono denaro fresco per le casse dell’ente come i mitici autovelox.

Gianfranco Spadoni
Consigliere provinciale ”Civici” Ravenna

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento